Utente
Salve, ho 27 anni e soffro di reflusso ed ernia iatale, prendo i farmaci regolatmente, da tre giorni ho un grosso peso sullo sterno accompagnato da dolore ogni tanto, e sopratutto mi manca il respiro!! ! non ho fiato corto ma sento il respiro pesante e di conseguenza mi manca l aria, ho gia fatto tre mesi fa rx torace, test da sforzo, ecg, visita otorino tutte nella norma, fatta gastroscopia un anno fa con esito ernia iatale, secondo voi puo essere causata dal reflusso/infiammazione all esofago, o puo essere altro??

Ps:non ho febbre, ho poca tosse senza muco (un po di muco trasparente/bianco solo nelle prime ore del mattino)

[#1]  
Dr. Claudio Bosoni

28% attività
20% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2020
Non posso fare niente se non mi fa sapere che farmaci assume
Dr. Claudio Bosoni

[#2] dopo  
Utente
Mi scusi ha ragione,assumo xanax 0,5 al bisogno una volta ogni due o tre giorni per l ansia ,poi per il reflusso prendo lucen 40 mg prima di colazione e riopan un ora dopo i pasti

[#3]  
Dr. Claudio Bosoni

28% attività
20% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2020
La sua forma è comune a tante persone. Sono convinto che è sicuramente ernia iatale, con un' ipersecrezione di acido cloridrico nello stomaco che però non chiudendo bene la valvola esofago-stomaco per ernia jatale ritorna in esofago, provocando l' esofagite e il dolore retrosternale.
In questi casi bisogna agire su due fronti: ridurre l' acidità e stimolare la motilità dello stomaco verso il basso. Terapia:
Lucen 40 1 cpr. prima di colazione.
Laroxyl 8 gocce prima di dormire.
Lorazepam 2,5 1/2 cpr. mattino e sera prima dei pasti.Però prima di iniziare la terapia, deve assolutamente parlarne con il suo medico di famiglia, perchè la conosce meglio di me, per evitare interazioni con altri farmaci che eventualmente sta assumendo, o controindicazioni per patologie pregresse o attuali, andando così in tutta sicurezza.
Dr. Claudio Bosoni

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille dottore,le faró sapere cosa mi dirà il medico