Utente
Buonasera, vi riscrivo per la quinta volta sperando che mi rispondiate perchè io sto male psicologicamente e non mi do pace.
Sono una ragazza di 20 anni, all’inizio di quest anno ho sofferto attacchi di panico che ho risolto con un percorso dallo psicologo.
Ammetto però di essere ancora un soggetto ansioso ed ESTREMAMENTE ipocondriaco.
Da due mesi a questa parte sto riscontrando dei problemi e non riesco ad individuarne la causa.
Tutto è iniziato appunto due mesi fa con uno stimolo fortissimo di urinare, soprattutto dopo rapporti, senza bruciore, durato qualche giorno e risolto con fosfomicina insieme a dei probiotici per l’intestino visto che alla sera ero molto gonfia e avevo spesso attacchi di diarrea per cui il mio medico di base sospetta una sindrome del colon irritabile.
Dopo la cura sono stata meglio ma i sintomi sono tornati subito dopo e sono costanti.
Dopo i pasti ho spesso un peso allo stomaco, a volte crampi e nausea, con qualche attacco di diarrea qua e la.
Ma il mio problema principale è lo stimolo ad urinare, ce l’ho soprattutto dopo un attacco di diarrea o ancora più spesso subito dopo un rapporto sessuale, inizio ad andare in bagno a fare la pipì ogni 20 minuti.
A volte passa da solo mentre a volte sono costretta a prendere fosfomicina per farla passare.
Questa cosa mi sta facendo stare molto male perchè essendo io una persona che mangia tutto sto sviluppando una vera e propria fobia per il cibo perchè ho paura che qualcosa mi faccia male e soprattutto non riesco ad avere rapporti con il mio ragazzo perchè dopo mi viene questo stimolo di urinare costante.
Prenoterò una visita medica il prima possibile ovviamente ma vorrei sapere un vostro parere perchè tutto ciò mi sta distruggendo mentalmente e mi sta causando una forte ansia.
Le mie domande sono: il colon irritabile può dare questi problemi alla vescica?
E soprattutto perchè ciò avviene sempre dopo un rapporto?
Inoltre ho un altro dubbio, io ho un ciclo molto doloroso e irregolare, sospetto un endometriosi anche se il mio ginecologo non lo pensa sto cercando di fare più visite possibile per sentire più pareri.
Potrebbero questi sintomi essere ricondotti ad un’ endometriosi intestinale?
Aspetto vostre risposte.
Grazie mille

[#1]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Non sospetti una endometriosi se il suo ginecologo non ne vede il motivo.
La sintomatologia urinaria potrebbe dipendere da una uretrite concomitante con i disturbi intestinali. Potrebbe eseguire una urinocoltura con l'esame urine, ovviamente senza assumere antibiotici, per verificare se è sostenuta da batteri.
In attesa della risposta la somministrazione di probiotici potrebbe essere di giovamento.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore per la sua risposta, mi conferma quindi che problemi intestinali possono portare anche a fastidi alla vescica? In ogni caso, prenoterò un esame delle urine ma devo necessariamente aspettare una settimana in quanto ho preso fosfomicina settimana scorsa quindi questo altererebbe i risultati dell’esame. Nel frattempo, oltre ad assumere probiotici per l’intestino, dovrei andare da un urologo? Ieri ho avuto di nuovo questo forte stimolo ad urinare dopo un brevissimo e non violento rapporto, non so assolutamente cosa fare, ho paura sia qualcosa di grave.

[#3]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In genere durante la visita ginecologica si presta attenzione anche agli altri organi pelvici e su questi è stata già rassicurata. Tuttavia, dopo aver effettuato gli esami delle urine, il parere dello specialista urologo può chiarire ulteriormente la condizione.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.