Utente 224XXX
Gentili medici,
ho 24 anni e fino a 6 mesi fa per 5 anni (con 1 interruzione dopo 2 anni di 3 mesi) ho assunto Diane per curare un problema di acne. Nell'ultimo periodo di assunzione ho riscontrato vari effetti collaterali: secchezza vaginale, calo del desiderio e soprattutto un aggravarsi della mia emicrania. Soffro di emicrania senz'aura (come diagnosticato dal centro delle cefalee a cui mi sono rivolta) da molto tempo, e il neurologo a cui mi sono rivolta ha escluso che la causa delle mie crisi emicraniche risiedesse nell'assunzione di Diane, soffrendo di questo disturbo già da prima dell'inizio della cura con Diane. Però, dal momento in cui ho interrotto definitivamente Diane non ho più avuto 1 crisi di emicrania nemmeno durante il ciclo mestruale (che prima era sempre accompagnato da attacchi davvero forti); durante il ciclo non ho più accusato nemmeno dolori alle ovaie (che invece ho sempre avuto anche prendendo la pillola e che avevo anche prima di iniziarne l'assunzione); l'idratazione vaginale e la libido sono tornate normali. I miei esami erano comunque sempre perfetti, così come le ecografie interne a cui il mio ginecologo mi sottoponeva con scadenza semestrale (addirittura diceva che sembrava che non prendessi nemmeno la pillola!).
Ora: il mio ginecologo mi ha proposto di assumere Dueva per far fronte alla questione anticoncezionale e per cercare di combattere i brufoli che mi rimangono.
Io però temo che si ripresenti il problema dell'emicrania, voi cosa ne pensate?
ringrazio fin da ora
distinti saluti

[#1]  
1125

Cancellato nel 2011
Gentile signorina,
mi fa piacere sentire per una volta che un medico che assolve la pillola! In ogni caso se non prova non saprà mai che effetto fa la Dueva e in ogni caso se dovessero ripresentarsi le crisi può sempre sospendere la pillola.
Cordiali saluti.
Dott. fabio Pietroluongo