Attivo dal 2008 al 2012
Buonasera,sono una ragazza di 25 anni, 26 ad agosto...Volevo qualche consiglio sulla mia situazione...inizia il 2 gennaio del 2008 h.23:30 circa quando inizia un fortissimo dolore pelvico corro subito al pronto soccorso del paese dove mi trovano in vacanza...essendo un piccolo paesino non c'era un ginecologo sul posto ma solo un ostetrica e si è prontata subito a farmi un'ecografia per stabilire se c'era una gravidanza in corso visto avevo 10 gg di ritardo sè pensato subito a quello...poi mi hanno fatto una puntura di antidolorifico e dopo 2 ore m'hanno dimesso dicendomi di ritornare l'indomani mattina che ci sarebbe stato il ginecologo...Ritorno appunto l'indomani e dopo aver fatto esami del sangue vari compresi mass tumorali e test di gravidanza...tutti i valori erano apposto il Ginecologo ha ripetuto l'ecografia e ha visto una CISTE ENDOMETRIASICA di 5 cm vicino all'ovaio sx con versamento...almeno cosi mi è stato detto,mi hanno detto di tenerla sotto controllo e stare a riposo, il dolore continuava ininterrottamente...Sono stata a riposo ma nuovamente la sera alle 22.45 si ripresenta il forte dolore pelvico ritorno in ospedale...questa volta mi ricoverano...mi fanno 2 flebo antidolorifiche e la mattina alle 8 circa visto il dolore un pò si attenua, ripetono l'ecografia e la situazione è costante e ritengono di potermi dimettere, ma il ginecologo mi dice di ritornare verso le 13 per fare un'ecografia con i flussi...nell'ecografia si accorgono che la ciste perde liquido e lì lanciano l'urgenza dicendomi di dovermi spostare all'ospedale di Catania o Palermo per un intervento...io però preferisco tornare nella mia città almeno ho l'appoggio dei miei genitori.
Parto subito in aereo siamo a giorno 4 gennaio...un viaggio incubo il dolore fittissimo la preoccupazione che questa cisti potrebbe scoppiare è alle stelle...Arrivo a Torino giorno 4 ore 20 vado nuovamente al pronto soccorso...mi fanno una prima ecografia e non mi dicono nulla...mi ricoverano...l'indomani cioè sabato 5 gennaio ripeto l'ecografia e mi diagnosticano un CORPO LUTEO EMORRAGICO di 5 cm...devo stare a riposo e mi fanno flebbo di antiinfiammatorio e antidolorifico...Arriva il sabato sera e una dottoressa mi dice che se continuo così domani mi dimettono...ma io avevo ancora i dolori!Infatti la domenica mattina poi arriva un alro dottore e mi dice che fino a quando non passa io non mi dovevo muovere da lì...comunque il martedi 8 gennaio ho ripetuto un'altra eco e sempre la stessa cosa corpo luteo stavolta di 4,5 cm...sembra che sta regredendo...mi dimettono...dicendomi di eseguire un altro test di gravidanza il 26 gennaio e poi se negativo di iniziare la pillola(preciso il ciclo non era ancora arrivato)e ripetere un altra eco di controllo ad aprile!
Torno a casa...vado a far visionare le varie eco al mio ginecologo e lui mi dice di iniziare subito la pillola non è necessario effettuare un' altro test visto già era stato eseguito, comunque morale inizio la pillola...dopo 15 giorni faccio una nuova eco per il forte dolore...ma lui non vede un CORPO LUTEO ma una CISTE ENDOMETRIASICA; il 31 gennaio sera si presenta la mestruazione da cui ho espulso materiale endometriale mandandolo ad analizzare questa è la descrizione: "2 frammenti laminari bianco-nerastro di diametro complessivo 4CM".E questo è il giudizio diagnostico: " LEMBI DI ENDOMETRIO DELLA FASE MESTRUALE, CON SPICCATI ASPETTI DI DECIDUALIZZAZIONE DELLO ZTROMA. QUADRO COMPATIBILE CON EFFETTI DA TERAPIA ESTRO-PROGESTINICA".
Il 14 febbraio eseguo una nuova ecografia transvaginale...il mio ginecologo mi dice che la cisti non c'è più e che ora sono i focolai che ha lasciato la cisti che mi portano dolore...e l'unica soluzione è fare una laparoscopia...mi prenota un'altra eco transvaginale con i flussi per confermare se si tratta di endometriosi per il 22 febbraio, la eseguo e mi dicono nuovamente CORPO LUTEO EMORRAGICO...di 2,5 CM.
La mia confusione ovviamente era al massimo non sapevo a chi dar retta...comunque m'hanno detto che nell'arco di un mese si sarebbe regredito del tutto...di continuare la cura della pillola e per i dolori prendere l'Aulin.

Ora Vi chiedo a voi se gentilmente potrete delucidarmi sulla mia situazione...perchè al giorno d'oggi 16 marzo sono ancora punta da capo...i dolori ci sono sempre non posso far niente devo stare sempre a letto...e imbottirmi di Aulin per non sentire il dolore...eh in più ora mi è venuta pure la febbre 37.5 può dipendere sempre dal corpo luteo?

Mi potete dire quanto tempo ci mette un corpo luteo emorragico di 5 cm all'origine a regredirsi totalmente?

In attesa di un Vostro cortese Riscontro Vi porgo Distinti Saluti.

[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La grande confusione dipende dal fatto che sia la cisti endometriosica quanto il corpo luteo emorragico, sono, alla fine, due formazioni con sangue all'interno. Solo che nella cisti emorragica del corpo luteo, il sangue si dispone, per lo più, a formare una sorta di reticolo, una tela di ragno o una marezzatura a favo d'api, mentre nella cisti endometriosica la presenza dei coaguli di fibrina (quelli che danno ecogenicità in ogni versamento libero o confinato di sangue all'ecografia) sono maggiormente omogenei, disponendosi ad occupare l'intera area interna alla formazione cistica, almeno nel gran parte dei casi.
Ora, premesso che sia un corpo luteo emorragico sia una cisti endometriosica da Gennaio a Marzo, con la pillola avrebbero dovuto scomparire o, quanto meno ridursi notevolmente, restano in piedi alcune ipotesi che dovrebbero essere valutate ed in particolare due che mi sembrano meglio delle altre "accordarsi" alla Sua storia clinica:

a) la presenza di una formazione ovarica diversa dal corpo luteo emorragico e della cisti endometriosica, come ad esempio un dermoide cistico con fasi subentranti di torsione parziale della gonade
b) la presenza di una formazione anch'essa complex in sede annessiale, come nel caso di una PID cronica o salpingo-ovarite cronica.

In entrambe queste ultime due situazioni, come pure nel corpo luteo emorragico e nell'endometriosi (si badi bene), coesistono il dolore ed il reperto ecografico di una massa "complex" annessiale, una massa, cioè, nell'ambito della quale coesistono fasi liquide e fasi solide all'esame ultrasonografico.

Probabilmente, una Laparoscopia, potrebbe meglio di qualunque altra indagine, chiarire la natura della formazione, oltre che essere il tramite per una sua risoluzione definitiva.

Spero di esserLe stato d'aiuto.
Cordialmente.

Auguri di una santa Pasqua di resurrezione.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Attivo dal 2008 al 2012
Si...la ringrazio tanto. Infatti quando il mio ginecologo m'aveva detto che bisognava fare una laparoscopia per togliere i focolai che aveva lasciato la ciste e quindi togliere il dolore io ero convintissima pur di risolvere la situazione, ma avendo eseguito in data 22/2 un'altra ecografia con i flussi con un equipe specializzata sull'endometriosi loro hanno escluso che si trattasse di endometriosi e mi hanno anche consigliato visto che si trattava di corpo luteo emorragico che si sarebbe regredito del tutto nell'arco di un altro mese, non erano d'accordo di fare un intervento quando non sarebbe stato necessario visto che appunto la situazione si sarebbe risolta così in modo naturale sempre seguendo la cura con la pillola.
Solo che ora siamo al 17/3 quasi un mese dopo quella famosa ecografia e non è cambiato nulla...
In più ci tengo a dirLe che io nel mese di febbraio ho avuto una mestruazione per niente dolorosa ma appena è terminata e ho preso la prima pillola sono ricominciati i dolori...ho contattato il mio ginecologo e mi ha consigliato di fare 2/3 mesi continui di pillola senza fare la pausa dei 7 giorni e quindi così facendo salterei la mestruazione...eh secondo Lei è una cosa valida per risolvere questa mia situazione??
Perchè come le ho già detto è una cosa impossibile...devo stare sempre a casa e a letto,e quando provo ad uscire che senbra che sto un pò meglio...appena cammino, salgo le scale, mi metto in macchina i dolori sono ancora più insopportabili.
E poi un'altra cosa secondo Lei i frammenti laminari che ho espulso
durante la mestruazione del 31/1 da che cosa dipendono?!

La ringrazio nuovamente anticipatamente e in attesa di un Suo cortese riscontro Le porgo Distinti Saluti e i Migliori Auguri di una Buona Pasqua.

[#3]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Ancora di più, cara amica, mi convinco che una Laparoscopia potrebbe, nel Suo caso, essere risolutiva vuoi sul piano diagnostico, vuoi su quello terapeutico.
Del resto, la gravità della situazione, si testimonia da sola, tenendo presente i dolori lancinanti che avverte qualora Lei voglia minimamente eseguire dei comuni movimenti.
Ne parli col Ginecologo che l'ha prospettata e, se vuole, ci faccia sapere.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#4] dopo  
Attivo dal 2008 al 2012
Caro Dr. Santoro, ho appena letto la sua risposta e Le comunico che oggi pomeriggio nuovamente a causa dei forti dolori che non sono stati calmati neanche con l'Aulin ho deciso di recarmi dal mio Ginecologo e dopo aver eseguito una nuova ecografia ha stabilito e mi ha anche prenotato una Laparoscopia per il 4/4 se ci sarà un posto prima anticiperemo!!!Quindi non mi resta da dire che il mio ginecologo ha avuto la sua stessa idea...che tengo a precisare lui aveva già proposto di fare una Laparoscopia a seguito dell'ecografia eseguita giorno 14/2, ma che poi è stata bocciata da un'altra ecografia eseguita da un'altra equipe...

Comunque sinceramente non vedo l'ora sia giorno 4 aprile...con la speranza che si risolva tutto il prima possibile...

La Ringrazio Sentitamente della Sua disponibilità...e Le Porgo i miei più sinceri Auguri di Buona Pasqua....Le farò sapere come andrà dopo l'intervento!!!

[#5]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Auguro a Lei che l'intervento prospettatoLe risolva dfinitivamente il Suo quadro clinico.
Sinceri saluti.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#6] dopo  
Attivo dal 2008 al 2012
La Ringrazio ancora Sentitamente e Le porgo i miei più Migliori Auguri di Buona Pasqua...Grazie ancora è stato Gentilissimo.