Utente 357XXX
Gentile dottore durante un ecografia trans vaginale la ginecologa dice che è presente il versamento del douglas, mi fa ripetere altre 2 ecografie prima del ciclo mestruale e subito dopo il ciclo, il liquido risulta sempre presente.mi ha prescritto delle analisi compreso di feci, ma non ho capito cosa comporta questa
Presenza di liquido nell'utero, è una cosa seria e grave?grazie dottore saluti

[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Nel suo post si fa riferimento a due entità differenti; il liquido nel Douglas è una falda liquida che si accumula in una riflessione del peritoneo presente, nella donna, fra utero, in avanti e retto, indietro. E' una zona declive del peritoneo, dove si accumula ogni versamento fluido che vi si formi.
Può essere fisiologico, come dopo una ovulazione, o patologico, legato a molte cause differenti.
Il liquido nell'utero è, invece, un fluido che si è raccolto nella cavità del corpo uterino o cavità endometriale. Può trattarsi di muco o di sostanze patologiche, come sangue o pus.
In altri termini, nel suo post ha indicato due condizioni differenti.
Le sarei grato se volesse chiarire meglio, semmai riportando letteralmente l'esito della visita o dell'ecografia che ha praticato, per avere maggiori e più definiti dettagli.

Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente 357XXX

Grazie dottore per avermi risposto, allora le spiego meglio:la prima ecografia tras vaginale fatta a meta' el ciclo la ginecologa mi dice che ho l'utero fibromatoso e nota la presenza di questo versamento del douglas, torno da lei prima del ciclo mestruale mi fa un'altra ecografia e il versamento ancora è presente, stando invece a come dice la mia ginecologa dovrebbe essere presente solo nel periodo ovulativo. Allora mi dice di fare una ecografia pelvica appena finito il ciclo mestruale ma siccome non riesco a prendere subito appuntamento mi scorre il mese dopo (praticamente la fine del prossimo ciclo), faccio l'ecografia da un privato con risultato:marcato meteorismo, modesta replezione vescicale, utero in antiversoflessione(l'ho avuto da sempre),dimensionalmente nei limiti, disomogeneamente ipoecogeno per condizione fibromatosa di grado medio (fibromi più evidenti a livello di corpo-fondo con diametro di 2,3 cm).endometrio non ispessito , non reperti adbormi in ambito annessiale ne espansi nello scavo pelvico. Presente falda liquida nel douglas. Faccio anche ecografia alla tiroide ed è tutto ok. Torno dalla ginecologa dopo una settimana, mi rifa' un'altra ecografia tras vaginale e questo versamento persiste, lei dice che non deve starci sempre, allora dice di farmi analisi feci ricerca sangue occulto, analisi del sangue con ricerca di: CA 125(antigene carboidratico125),CA19.9(antigene carboidratico19.9) (ciga),CEA(antigene carcino embrionario), proteina c reattiva(pcr) (quantitativa),elettroforesi proteica con protidemia totale, emocromo, ves. Questo è quanto devo fare gli esami in settimana ma non riesco a capire se ci possono essere conseguenze, la gine addirittura mi parlava di una colonscopia se necessario ma io onestamente non ho nessun fastidio.dottore spero di essere stata più precisa perché più di questo reperto non ho al momento.grazie cordialmente saluto

[#3]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Bene. Ora si capisce molto meglio. Quindi falde liquide nell'UTERO non ve ne sono mai state; sempre nel Douglas.
Mi sembra corretto l'atteggiamento diagnostico dei Colleghi. In ultima analisi, qualora non se ne venga a capo fra esami del sangue e colonscopia, la cosa migliore che Le suggerisco è quella di parlare con la Collega per l'esecuzione di una Laparoscopia diagnostica. Quella chiarirà una volta per tutte la tipologia e la natura di questo persistente versamento peritoneale.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli