Utente 224XXX
Gentili dottori,
ho 42 anni, ho sempre avuto un ciclo regolare anche se sempre doloroso nel primo giorno. Ieri, nel 13° giorno del ciclo, ho avuto perdite ematiche rosso vivo che durano ancora oggi, non abbondati (solo quando mi asciugo) ma che mi danno un po' dolore al basso ventre, senso di spossatezza e mal di testa.
Anche l'anno scorso mi è successo per la prima volta proprio in questo periodo e fatalità sempre in seguito ad un periodo di forte stress psichico e tensione (il giorno prima mi ero presa un forte dispiacere con rabbia e pianto come in questi giorni). Dall'ecografia all'utero, fatta l'anno scorso a novembre, non risultavano problemi e la ginecologa mi ha tranquillizzata.
Devo anche aggiungere che una settimana fa ho fatto pure l'ecografia al collo per problemi alla cervicale (linfonodi reattivi) e da lì è venuto fuori, senza sospettarlo nemmeno, che ho la tiroide ingrossata. Il medico curante hadunque prescritto gli esami del sangue ed è risultato che:
P-ormone tireostimolante (TSH) è 5,31 uU/mL ( valori di riferimento 0,27-4,20)
S-Ac- Anti-Recettori TSH 0,30U/L ( valori di riferimento 1,22)
P-Ac-Anti-Tireopeossidasi 142,80 UL/mL( valori di riferimento 34)
Riguardo al TSH, che non è ottimale, il medico curante mi ha detto che sarebbe meglio farmi controllare da un endocrinologo, soprattutto se si desidera un gravidanza, ma per il resto non c'è da allarmarsi.
Gradirei sapere se ciò è causa di queste ultime perdite ematiche.
Da quando, però, mi è stata fatta l'ecografia la collo sento un nodo alla gola e a tratti un leggero senso di soffocamento, forse è stimolato qualcosa, non so, ma non ho mai avuto queste sensazioni.

Premetto che ho sempre goduto di ottima salute, stile di vita sano, non fumo, alimentazione corretta e attenta. Negli ultimi due anni però, oltre ad avere abbastanza stress psichico, ho trascurato lo sport facendo vita più sedentaria e seduta davanti al pc con posture scorrette che mi hanno infatti causato problemi alla cervicale che sto curando abbastanza bene con buoni risultati da qualche mese ( fisioterapia e ginnastica posturale/yoga).
Grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

44% attività
4% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., le perdite ematiche di breve durata che avvengono in fase intermestruale sono di solito dovute all'ovulazione, fenomeno fisiologico, indice di fertilità. Ogni mese, a metà ciclo, un follìcolo ovarico, giunto a maturazione, si rompe liberando una cellula, che si chiama oocita che, se fecondata da uno spermatozoo, può dar luogo alla creazione di un embrione. Tale processo si verifica, a seguito di un rapporto sessuale nel periodo fecondo a livello dell'ampolla tubarica, e perpetua il miracolo della vita umana. Occasionalmente tale fenomeno si può associare a perdite ematiche e dolori al basso ventre. Talvolta la perdita ematica è molto abbondante e interna alla cavità addominale, caso sfavorevole, che determina una sintomatologia cauta anche grave dovuta al riempimento di sangue della cavità addominale. Per fortuna questi casi, che arrivano in Ospedale, sono rari. Semplici perdite esterne associate a lievi dolori non devono allarmare, di solito si risolvono nel giro di pochi giorni. Cordiali saluti.
Dr. Lucia Vecoli