Utente 395XXX
Salve, ho 28 anni, 8 settimana di gravidanza non immune la toxoplasmosi. Mi è stato detto dai miei medici di evitare i salumi crudi, ma che posso mangiare prosciutto cotto e mortadella. Mi è capitato di mangiare del cotto comprato in una bottega di paese, e l ho mangiato poi delle amiche mi hanno detto che rischio di prendere la toxo perché avrei dovuto chiedere di disinfettare l affettatrice perché prima potrebbe essere stata usata per tagliare altri prodotti infetti. Rischio davvero di prendere la toxoplasmosi per questo? Cosa posso fare?

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Tutto quello che è cotto come mortadella e prosciutto cotto , non crea problemi di infezione da TOXOPLASMA. Le possibilità di contrarre in quel modo la toxoplasmosi sono davvero scarse se non impossibili.
.Adesso non deve far nulla e non pensi a particolari terapie sulla scorta di una improbabile infezione.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 395XXX

Salve,
innanzitutto la ringrazio per la sua risposta, e approfitto della sua disponibilità per farle un altra domanda:
alla fine di questa settimana avrò l analisi mensili,e sono veramente agitata per i risultati, non sono mai stata una persona ipocondriaca o ansiosa ma adesso probabilmente anche a causa delle persone che danno sempre opinioni a caso senza sapere lo sono diventata.
c'è stato un altro episodio che mi fa temere per la toxo, una sera ero a cena da amici, questi hanno preparato filetto di maiale, io ho chiesto la carne ben cotta e quando me l'hanno servita ho iniziata a mangiarla, dopo un paio di pezzi arrivando più al centro mi sono accorta che in realtà non era affatto cotta, anzi, usciva sangue e liquido rosso che si sono sparsi nel piatto, ho smesso subito di mangiarla e ho chiesto carne più cotta ma per non creare disagi non ho chiesto di cambiarmi né piatto né posate e ho continuato a mangiare. Mio marito mi ha tranquilizzato dicendo che il pezzo poco cotto che ho mangiato era veramente minimo e il mio dottore mi ha detto che ormai le carni che si acquistano nella gande distribuzione sono talmente controllate che è assai difficile contrarre la toxo (molto più facile mangiando salumi o carni artigianali) e mi ha detto di non fare terapie preventive perché tanto ogni mese faccio le analisi per tenere gli anticorpi anti toxo sotto contollo. Questo episodio è accaduto circa 15 giorni fa, lei cosa dice?

grazie

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Deve attendere l'esame della Toxo ( IgM e IgG) per poter discutere di eventuali terapie.
SONO d'accordo sulle considerazioni che ha fatto suo marito.
NON si preoccupi
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI