Utente
Gentili Dottori, mi è stata diagnosticata la pof. le ultime mestruazioni le ho avute il 15/02/08 dopo 5 mesi di assenza, questi i valori del prelievo eseguito 7 giorni prima, il 9/02/08

TSH 1,46 uIU/mL (0,10 - 5,00 )
Estradiolo 17 beta 102 pg/mL
Pre pubere (5.0 - 30.0 )
Fase follicolare (20.0 - 120.0)
Fase ovulatoria (80.0 - 460.0)
Fase luteinica (60.0 - 190.0)
Post menopausa ( 0.0 - 30.0 )
FSH 58,9 mIU/mL
Pre pubere ( 0.6 - 5.0 )
Fase follicolare ( 2.5 - 10.0 )
Fase ovulatoria ( 3.5 - 33.5 )
Fase luteinica ( 1.5 - 9.0 )
Post menopausa ( 25.0 - 120.0)
LH 39,2 mIU/mL
Pre pubere ( 0.1 - 4.0 )
Fase follicolare ( 1.9 - 12.5 )
Fase ovulatoria ( 10.0 - 76.0)
Fase luteinica ( 0.5 - 17.0 )
Post menopausa ( 16.0 - 54.0 )
Prolattina *515 uIU/mL (55 - 425)
Prolattina 20' 359 uIU/mL
Omocisteina *15,41 umol/L (5,00 - 15,00)

Il 30 marzo inizio terapia con ginoden per provare ad abbassare il valore del fsh, per tentare una stimolazione ovarica ed icsi, anche se con quasi inesistenti speranze.Eseguite tutte le indagini, comprese x fragile, anticorpi antiovaio,TPO,APCA e surrene, tutti negativi.fsh ed lh entrambi 0,5mIU7mLper effetto della pillola. Il giorno 4/10/08 sospendo la pillola, il giorno 8 inizio protocollo breve per poor responders con decapeptyl 3.75 una fiala intramusc,unica per tutto il ciclo, e dal giorno seguente meropur 450 u.i. sottocute ogni sera. Al secondo monitoraggio del 18/10 mi è stata sospesa la terapia per una inadeguata risposta.

Ora non so se più avanti decideremo e potremo permettermi di fare un'ovodonazione all'estero, ma nel frattempo Vi chiedo: ora, sospeso tutto, vista la mia situazione, che esami devo eseguire per la pof(dato che già nel marzo 2006 avevo fsh alto)? Esami per le ossa ? E per cos'altro?
Ogni quanto devo eseguire i controlli? Devo prendere una tos?
Esistono tos non anticoncezionali, perchè ci spero sempre, non si sa mai...
E in base a cosa bisogna scegliere la tos? Aiutatemi, sono molto confusa .
Grazie per il tempo dedicatomi.
Un saluto speciale al Dottor Santoro. GRAZIE

[#1]  
Dr.ssa Elisabetta Chelo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
lei è molto giovane per rimanere senza una terapia sostitutiva, la carenza di estrogeni favorirebbe un'atrofia dei genitali e un impoverimento delle ossa. Soprattutto se lei prende in considerazione la possibilità di eseguire una ovodonazione all'estero è importante che i genitali interni si mantengano "elastici". Tutti i trattamenti sostitutivi però hanno un'effetto inibente l'ovulazione, perarltro se l'FSH si mantiene ai livelli da lei riferiti le possibilità di una gravidanza sono veramente irrisorie.
Capisco bene come tutto ciò sia frustrante alla sua età, ma è importante che lei affronti questa situazione con coraggio prendendosi cura di sè. Ha tutto il tempo di valutare se un'ovodonazione è un modo accettabile per la vostra coppia di avere un bambino: nel frattempo si informi e condivida questa sua esperienza con tante altre donne che l' hanno sperimentata.
Cordialmente
Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottoressa Chelo, grazie per l'attenzione.
Vorrei chiederLe innanzitutto quali esami dovrei eseguire, avendo appena interrotto un ciclo di stimolazione ovarica, e con quale frequenza(non so, ecografie, esami ormonali,ecc). Per quanto riguarda le ossa, avendo iniziato ad avere problemi di amenorrea da marzo 2006, dovrei effettuare qualche esame di controllo, e con quale frequenza?Dovrei prendere qualche integratore? Avendo l'omocisteina *15,41 umol/L (5,00 - 15,00)oltre a mangiare verdura, continuo ad assumere l'acido folico che mi era stato prescritto dal centro infertilità e se si per quanto tempo massimo?
Per decidere quale terapia sostitutiva prendere che esami bisogna fare? Sul sito dell'associazione menopausa precoce
parlano di terapie ormonali contraccettive(pillola) e Tos che non bloccano l'ovulazione (una ragazza dice di essere rimasta incinta assumendo Filena), un'altra dice che sul foglietto illustrativo della sua Tos estrofem c'è scritto chiaro che non ha effetti contraccettivi (quindi l'attività ovarica, se c'è, non viene soppressa). Una dopo 4 anni di pof e tos, alla sospensione di questa per allergia ha riiniziato a mestruare da sola, un'altra è rimasta incinta con fsh a 100...Capisco che non siamo tutte uguali, ma sono un po' confusa. L'ultima mestruazione spontanea l'ho avuta a febbraio, poi indotte da ginoden; non potrebbe verificarsi ancora qualche sporadica ovulazione(che non vorrei bloccare con un contraccettivo)? Scusi la lungaggine, ma bisognerebbe parlarne molto di più di questa pof che a quanto mi pare colpisce sempre più ragazze, ci vorrebbero dei centri specializzati e più sostegno. Scusi lo sfogo. Grazie ancora se vorrà rispondermi

[#3]  
Dr.ssa Elisabetta Chelo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
la diagnosi di menopausa precoce è senz'altro dura da "mandar giù" e concordo con lei la necessità di un punto di riferimento certo e affidabile.
I vari siti in cui le persone si scambiano informazioni sono utili, ma non controllati e si mischiano sicuramente informazioni utili e notizie false e fuorvianti.
Gli estroprogestinici prescritti in sostituzione degli ormoni che l'ovaio non produce più non sono dei contraccettivi, ma di fatto bloccano al 98% l'ovulazione, ovulazione peraltro altamente improbabile (leggi praticamente impossibile) in donne con FSH superiore a 50.
La scelta della terapia sostitutiva più idonea è legata a varie considerazioni e ovviamente alla conoscenza approfondita della sua situazione clinica e metabolica, ma anche dalle sue prospettive future.
Ogni situazione clinica è diversa e unica e non mi sembra corretto prescriverle degli esami o suggerirle terapie "per posta".
Ci sono comunque molti ginecologi o endocrinologi esperti in patologia della riproduzione che potrebbero aiutarla.
Mi scriva ancora se non sono riuscita a chiarire i suoi dubbi.
Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottoressa grazie per la risposta. Concordo con Lei che dovrò rivolgermi ad un ginecologo o endocrinologo,vorrei saper scegliere quello giusto, visto che nel marzo 2006 quando il mio FSH era di 68,8 la ginecologa dell'epoca anzicchè mettermi in guardia,parlarmi di menopausa precoce(così mi sarei rivolta al centro infertilità all'epoca e non avrei iniziato il trattamento per l'icsi solo 15 giorni fa), mi ha parlato di stress e mi ha dato la pillola per almeno 6 mesi/un anno.Non si può sottovalutare così il quadro ormonale di una ragazza di 31 anni all'epoca) e quindi ora ho paura di sbagliare di nuovo medico...
Non chiedo nello specifico, ma ci saranno degli esami standard che tutte le "poffate" devono eseguire di routine?
Credo che questi li possa dire, anche in aiuto alle ragazze in menopausa precoce che si trovano a girare di sito in sito alla ricerca di notizie utili...Entro quando bisogna iniziare la Tos? Grazie, distinti saluti

[#5] dopo  
Utente
Non mi prenda per matta, leggo in internet:
Uno degli ultimi traguardi che sono stati raggiunti nel campo dei trapianti di organi riguarda il trapianto di ovaie...Il primo trapianto di ovaie al mondo è stato portato a termine in Cina.In questo caso, essendo il tessuto ovarico trapiantato proveniente dalla sorella, gli eventuali figli che la donna potrebbe avere non avrebbero il suo patrimonio genetico bensì quello della donatrice.Una nuova gravidanza, insomma potrà comportare solo una mescolanza di patrimonio genetico, al pari di una qualunque fecondazione assistita eterologa...
Ne sa qualcosa? Immagino che in Italia con questa maledetta Legge40 non si sperimenti nemmeno una cosa del genere...

[#6]  
Dr.ssa Elisabetta Chelo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
gli esami prima di una terapia sostitutiva riguardano il quadro clinico generale: sono controlli sulla funzionalità epatica e sullo stato di salute generale. A questi si associa il Pap test, una eventuale MOC e a seconda della valutazione clinica una ecografia mammaria o una mammografia. Sulla scelta del tipo di trattamento si tengono in considerazione vari aspetti . non ultimo, come le scrivevo sopra le prospettive future.
Riguardo alla sua altra domanda i trapianti di ovaie tentati sono di due tipi: omologo e da donatrice. Nel primo caso si tratta di trasferire del tessuto ovarico preventivamente congelato a donne che si sono sottoposte a chemio o radioterapia per tumore. Alla guarigione possono tentare di ritrapiantare il proprio tessuto ovarico che era stato conservato per evitare i danni del trattamento antitumorale.
Nel secondo caso si tratta di un vero e proprio trapianto da donatrice che, come lei fa notare, la legge 40 proibisce.
Saluti.

Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com

[#7] dopo  
Utente
Grazie Dottoressa.
Avendo interrotto la somministrazione di Meropur il 17 di questo mese, devo aspettarmi la comparsa del ciclo o meno?
La terapia è da iniziare subito?
Scusi se mi permetto di riportarLe una risposta data dalla Dott.sa Giovanna Testa nel sito dell'Amp(ass. menop. precoce):"La terapia ormonale sostitutiva è consigliabile in menopausa per controllare i sintomi, come le sudorazioni, le vampate, ma anche per proteggere le ossa. Nelle donne che vanno in menopausa precocemente si consiglia di assumere la terapia ormonale fino all'età della menopausa fisiologica. Il vantaggio della terapia ormonale, rispetto alla pillola contraccettiva, è che non sopprime l'attività ovarica, in caso di ripresa spontanea. Quindi in caso di desiderio di gravidanza, è meglio assumere la terapia ormonale, piuttosto che la pillola contraccettiva".
Vede perchè ho paura di non saper scegliere il dottore giusto da cui essere seguita?
Grazie infinite

[#8] dopo  
Utente
Oltre a ciò che Le ho riportato ieri, oggi leggo nel sito dell'AOGOI, nel Progetto Menopausa Italia, un esempio di un caso clinico in cui viene diagnosticata la pof a una ragazza di 38 anni in ammenorrea da 8 mesi, e questo quanto è scritto per ciò che riguarda la terapia:
Trattamenti terapeutici proponibili in considerazione di:
* Esito di MAP test
* Desiderio di eventuali gravidanze
* Desiderio contraccettivo
* Desiderio di flusso ciclico

Proposte terapeutiche conseguenti:
* Progestinici
* Contraccezione orale
* HRT sequenziale
* HRT con IUS levonorgestrel

Terapia prescritta:
Nel nostro caso essendo la paziente Map test negativa abbiamo escluso l'impiego di progestinici. Desiderando un flusso regolare abbiamo optato per una HRT sequenziale (E2 gel per cutaneo in continua+deidrogesterone 10mg per 12 giorni), escludendo l'impiego di una formulazione estroprogestinica NON ESSENDOCI UN DESIDERIO CONTRACCETTIVO.

Inoltre dal sito della Dott.sa Alessandra Graziottin:
Nella fase di transizione, quando il ciclo è ancora presente ma già molto irregolare, diversi ginecologi prescrivono una terapia contraccettiva: una scelta corretta, che tiene conto del bisogno di evitare concepimenti indesiderati, se la donna non vuole altri figli, del desiderio di avere un ciclo prevedibile e regolare, e di attenuare molti dei sintomi che la fase di transizione comporta.
Va invece considerato che nelle forme precoci può esistere una residua attività ovarica, dovuta a follicoli “resistenti” presenti nell’ovaio, che spiega la possibilità di avere ancora qualche flusso spontaneo e che può favorire un concepimento dell’ultimo minuto se la donna non ha bambini o comunque ne desidera ardentemente uno. PRESCRIVERE UNA TERAPIA CONTRACCETTIVA sarebbe in tal caso un ERRORE, perchè farebbe perdere l’ultima chance, seppur molto rara, di concepire.
In alternativa, l’assunzione di progesterone naturale nella seconda metà del ciclo, dal 15° al 26° giorno, può essere sufficiente a modulare le irregolarità mestruali, se queste sono il sintomo principale: ma, attenzione, il progesterone in sé non è contraccettivo.
A menopausa arrivata, una terapia ormonale ciclica, che consenta di riavere la mestruazione, è in genere la più gradita, scegliendo la via di somministrazione più congeniale e discreta: nessuna giovane donna ama dichiarare, o far capire, di essere già in menopausa! Spray nasali, gel cutanei o compresse sono le formulazioni preferite. I cerotti, ottimi in sé, sono in genere preferiti dalle donne dai cinquant’anni in su.

Quindi deduco che non tutte le Tos sono contraccettive...
Grazie se mi vorrà prendere in considerazione. Distinti saluti

[#9]  
Dr.ssa Elisabetta Chelo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
le pillole contraccettive contengono estrogeni e progestinici in un dosaggio tale per cui l'inibizione dell'attività ovarica è garantita dato che il loro fine è la prevenzione delle gravidanza indesiderate.
I farmaci per la terapia ormonale sostitutiva , come dice il nome stesso , non sono dei contraccettivi e non vengono venduti come tali e al consumatore non viene garantita un azione in tal senso, sono farmaci che sostituiscono la produzione di ormoni che l'ovaia non produce più.
Tali terapie hanno tutte in comune la somministrazione di estrogeni in varie formulazioni (orale, per via transdermica ecc)nella prima parte del ciclo e di progestinici nella seconda associati o meno agli estrogeni.
Alcuni di questi schemi sicuramente bloccherebbero l'ovulazione (nel raro caso che avvenisse) altri interferirebbero meno, ma in ogni caso l'assunzione di estrogeni interferisce nel meccanismo di feed back ipofisario.
Non voglio frustrare le sue comprensibili speranze che anche con un FSH così alto lei possa ovulare, ma credo che anche con un attenta e personalizzata prescrizione di estrogeni e progestinici le possibilità di una gravidanza siano davvero tangenti lo zero.
Capisco bene i suoi sentimenti ed è giusto sentirsi arrabbiata. Un caro saluto
Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com

[#10] dopo  
Utente
Gentile Dottoressa, scusi se La ddisturbo ancora.
Volevo chiederLe se secondo Lei ci potrebbe essere correlazione fra la pof e peluria eccessiva. Le spiego meglio; fin da bambina ho sempre avuto una peluria evidente su braccia e gambe(ne ho ricordi già a 9 anni), a 13 anni ho avuto le prime mestruazioni,a 17 anni mi è comparsa una peluria evidente sul mento che mi porto dietro tutt'ora, anche se ridotta a seguito di trattamento laser. A 19 anni mi fu prescritta la pillola prima Triminulet, poi Diane anche se in realtà questo problema non si attenuò granchè. Dopo 5 anni, la sospesi e non ebbi le mestruazioni per 4 mesi(all'epoca la ginecologa mi fece fare solo un test di gravidanza e io non mi preoccupai di nulla). Ritornarono le mestruazioni, chiesi al medico di fare degli esami per quanto riguardava la peluria.

DHT diidrotestosterone 130 pg/ml(30 - 250)
Delta 4 androstenedione 3.5* pg/ml (0.9 - 3.1)
Testosterone libero pg/ml 1.70 (0.3 - 3.8)

Il dottore disse che era tutto ok, e che l'unica soluzione era un trattamento estetico tipo laser.

Ora mi chiedo: il valore con asterisco cosa indica?
Potrebbe essere correlato con la mia pof? Non ho più eseguito esami del genere, anche se le assicuro che il problema della peluria mi mette a gran disagio. Secondo Lei dovrei ripeterli?

Le chiedo scusa se la mia domanda potrebbe farLa sorridere, ma confido in una Sua risposta. Grazie, cordiali saluti.





[#11]  
Dr.ssa Elisabetta Chelo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Mi sembra di capire che un leggero irsutismo è per lei costituzionale, ma probabilmente lo squilibrio ormonale causato dal rallentato lavoro delle ovaie contribuisce ad peggiorare il problema. E' possibile che ci sia un relativo aumento di ormoni maschili (una piccola quantità è fisiologica e sempre presente )sia di orinine ovarica che prodotti dalle ghiandole surrenali.
Anche per questo problema una terapia sotituiva potrebbe essere d'aiuto.
Un cordiale saluto

Elisabetta Chelo
Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com

[#12] dopo  
Utente
Gentile Dottoressa, ho eseguito gli esami del sangue completi che non le riporto in quanto tutti i valori sono nella norma. Inoltre ho eseguito nuovamente gli esami ormonaliin data 18/11/08:

TSH Tireotropina 3,68 uIU/mL (0,10 - 5,00)
FSH Follitropina 7,1 mIU/mL
Pre pubere(0.6 - 5.0)
Fase follicolare (2.5 - 10.0)
Fase ovulatoria (3.5 - 33.5)
Fase luteinica (1.5 - 9.0)
Post menopausa (25.0 - 120.0)
LH Luteotropina 0,7 mIU/mL
Pre pubere(0.1 - 4.0)
Fase follicolare (1.9 - 12.5)
Fase ovulatoria (10.0 - 76.0)
Fase luteinica (0.5 - 17.0)
Post menopausa (16.0 - 54.0)
DHEAS Deidroepiandr. solfato 1,1 ug/mL (0,5-4,5)
Cortisolo *26,9 ug/dL (8,0-25,0)
Omocisteina 11,30umol/L(5,00-15,00)

Questo prelievo l'ho eseguito a un mese di distanza dalla sospensione della terapia (decapeptyl 3.75 una fiala intramusc,unica per tutto il ciclo, e dal giorno seguente meropur 450 u.i. sottocute ogni sera,per 9 sere,sospesa per risposta inadeguata)il giorno 18/10/08.

Volevo chiederLe cosa ne pensa del FSH. Secondo Lei tale valore è dovuto agli strascichi della terapia, o forse è da considerare che non sono ancora in menopausa?
Il Cortisolo alterato cosa indica?
Grazie per l'attenzione e buona giornata