Utente 424XXX
Dicembre 2011 primi episodi di dissenteria
30/07/12 Visita allergologica Evitare sedano carote soia arance anguria melone
Niente problemi per 2/3 mesi poi ancora disturbi
04/06/13 analisi del sangue eosinofilia (Eosinofili valore 0,9 max 0,5)
06/06/13 ecografia addome inferiore moderata dilatazione del lume e ispessimento delle pareti del tratto distale dell’appendice cecale sede di algia elettiva alla compressione dosata per sospetta flogosi appendicolare non complicata da raccolte peri-appendicolari
30/07/13 esame Immunoglobuline A, 42 (70-400)
23/08/13 gastroscopia flogosi cronica della lamina propria (duodeno) reperto morfologico ed immunoistochimico di duodenite cronica e gastrite cronica di grado 1 in fase di quiescenza cardias ipo-continente con ernia jatale
24/09/13 colonscopia quadro endoscopico come da emorroidi condizione clinica compatibile con colon irritabile
20/12/13 Breath test lattosio negativo
Fino a quel giorno non avevo mai avuto problemi di candida da lì iniziai ad averla ogni mese per 4/5 gg
Dal 2009 al 2014 ho preso la pillola yaz interrotta per effettuare il breath test Da quel momento la candida è esplosa Nel 2015 ho cambiato pillola (Loette) ma non ha influenzato sulla candida
21/01/14 visita ginecologa cura per candida mac mirror complex 500 mg ovuli Flagyl lavande monouso Normogyn e Inofert
21/03/14 esame microbiologico del secreto vaginale: discreto numero di cellule vaginali, flora lattobacillare scarsa, presenza di alcuni lieviti, quadro di vaginite micotica e candida albicans di crescita discreta
01/04/14 nuova ginecologa cura per candida Fluconazolo 200 mg (Diflucan) per 6 mesi. In questi mesi la candida sembrava sparita ma durante il sesto mese di trattamento tornò più forte di prima
10/12/15 esame delle urine e del sangue Esame urine alcuni leucociti, rare emazie, presenze di batteri e di alcune cellule epiteliali squamose Esame sangue granulociti neutrofili a 37,5 (min 40) linfociti a 52,3 (max 45)
18/04/15 visita nutrizionista alimentazione incentrata su carboidrati come pasta riso e 150 gr (quotidiani) di pane Da questo periodo candida perenne
31/05/16 esame Immonoglobuline IgA, 36 (70-400)
31/05/16 coltura del secreto vaginale: presenza di alcuni granulociti neutrofili alcune cellule vaginali scarsa flora lattobacillare presenza di alcuni lieviti e crescita discreta di lievito CD-Candida spp. Risultato sostituzione della flora lattobacillare fisiologica con altro microorganismo residente streptococcus agalactiae il cui ruolo come agente eziologico di vaginite è controverso
14/07/16 esame coltura del secreto endocervicale: positività a Ureaplasma urealyticum Microorganismo isolato risultato sensibile per antibiogramma tetraciclina doxiciclina eritromicina josamicina pristinamicina e claritromicina intermedio per ofloxacina ciprofloxacina e azitromicina Carica microbica >10.000 UFC/mL
Da Ottobre 2016 Inatal ogni giorno a dicembre sembrava che la candida fosse scomparsa ma a gennaio è tornata perenne

[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

44% attività
4% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., la Candida è un germe saprofita, che vive comunemente sulla cute e sulle mucose del cavo orale, della vagina e del colon. Se in quantità limitata non da disturbi, se eccessivamente sviluppata compaiono fastidiosi sintomi infiammatori. Nei casi di infezioni da Candida recidivanti il problema non è solo combattere l'infezione, ma prevenire le ricadute. E' quindi essenziale cambiare l'alimentazione e lo stile di vita alla base dei disturbi. Deve essere evitato l' eccesso di carboidrati nella dieta, particolarmente di farina bianca e zuccheri semplici, tutte sostanze che innalzano il livello di insulina nel sangue, predisponendo al diabete, una patologia che deve essere esclusa nelle candidosi che si ripresentano frequentemente. Bisogna combattere la stipsi, altro fattore predisponente, con un'alimentazione ricca di fibre, frutta , verdura, fermenti lattici. L'abbigliamento intimo deve essere a base di fibre naturali ( cotone, seta ) e di colore bianco o neutro. Bisogna evitare detergenti intimi troppo aggressivi, la frequentazione delle piscine, gli sport da sella. Qualche volta è bene controllare anche il partner maschile, che può contrarre l'infezione e ritrasmetterla. Nei casi acuti le terapie devono essere di durata adeguata, mai interrotta alla prima scomparsa dei sintomi, come a volte la paziente tende incautamente a fare, perchè la Candida si trasforma in spore che resistono a lungo nei tessuti. Ecco perchè è un germe di difficile eradicazione, pronto a riaffacciarsi al primo eccesso dietetico o in caso di trattamento antibiotico. Come vede non bisogna scoraggiarsi, ma sono molti i motivi per cui tale infezione può tendere a cronicizzare. Per guarire bisogna impegnarsi su più fronti, non ultimo quello psicologico, perchè questa infezione risente anche dello stress, che abbassa le difese immunitarie. Per fortuna non è una malattia grave, ma solo fastidiosa ed eradicabile con le giuste terapie, sotto il controllo dello specialista di fiducia. Cordiali saluti.
Dr. Lucia Vecoli