Utente
buongiorno!
è la seconda volta che mi rivolgo ai professionisti presenti in rete sia per richiedere un parere esperto sia -forse inconsciamente- per ottenere un pò di coraggio e conforto..
riepilogo brevemente la mia "comune" ma dolorosa vicenda: ho 29 anni e a luglio 2008 resto incinta al primo tentativo ma alla nona settimana (2 agosto 2008)sono costretta ad un raschiamento perchè il medico non rileva più battito. il decorso post intervento procede senza problemi e dopo il primo ciclo (19 settembre) mi sottopongo ad eco vaginale,pap test e tampone vaginale dai quali non emerge nulla di particolarmente preoccupante ma, anzi, il medico rilevò anche la prima ovulazione post aborto. anche l'urinocoltura eseguita a luglio dà esito negativo. dal mese di ottobre io e mio marito stiamo cercando di avere un bambino ma nulla..i rapporti avvengono in media intorno al 15 esimo giorno ma al momento nulla..preciso che avverto anche i dolori -credo- dell'ovulazione,vedo il muco e che i miei cicli sono abbastanza regolari:5 ottobre,5 novembre,3 dicembre e 2 gennaio.nel mese di novembre, ad esempio,ho avvertito i dolori al basso ventre sintomo,ipotizzo,dell'ovulazione, al 20 giorno post mestruo..è possibile ovulare in giorni diversi?mi spiego: ovulo sempre al 20 giorno o varia?
confesso che sono molto angosciata sia per la perdita subita che per il timore di non rimanere più incinta..una vostra collega che gentilmente ha risposto ai miei quesiti ipotizzava una disfunzione ormonale dovuta allo stress:cosa comporta???è grave??

aiutatemi,sono angosciata dal timore di non riuscire mai più a concepire
grazie

[#1]  
Attivo dal 2008 al 2009
Buongiorno
Allora le domande sono molte e non è mai facile rispondere se non a quattrocchi ma le darò due semplici consigli: non deve iniziare ad avere rapporti il 15° giorno del ciclo ma dal primo giorno della mestruazione deve contare 10-11 giorni ed avere rapporti a giorni alterni; può capitare che l'ovulazione non avvenga sempre nello stesso periodo ma per facilitare il riconoscimento dell'ovulazione può usare le strisciette reattive chiamate "Clearplan" o la macchinetta "Persona"; non si deve assolutamente fissare sul fatto di avere una gravidanza nel momento in cui ha il rapporto (altrimenti diventerebbe un lavoro e non più una cosa piacevole) ma deve sempre vivere con la convinzione che la Natura farà il suo corso: finchè affronta un rapporto con angoscia potrà succedere che la la contrattura dei muscoli lisci, soprattutto a livello delle tube, impedisca il passaggio di ovuli e spermatozooi. Stia tranquilla, viva la sua sessualità in maniera semplice e rilassata e il bambiono arriverà da sé.
Le faccio i miei migliori auguri e vedrà che quest'anno sarà un anno felice anche per Lei e Suo marito.

[#2] dopo  
Utente
innanzitutto La ringrazio per la Sua cortesia nel rispondermi.
devo riconoscere che non sono per nulla serena e confesso che non credevo che la mente potesse influenzare a tal punto il concepimento;erroneamente ritenevo si trattasse di "leggende metropolitane" e dopo l'esperienza devastante dell'aborto (prima gravidanza,primo tentativo "riuscito"ma -ahimè- finito presto e male) non riesco a vivere serenamente e in maniera equilibrata la sessualità. talvolta,infatti, avverto una secchezza vaginale durante i rapporti dovuta,credo,più a una questione di testa che fisica.
spero di rasserenarmi..
in ogni caso,mi sembra di capire, che l'ipotesi di una mia sterilità è scongiurata?
La ringrazio di vero cuore.

[#3]  
Attivo dal 2008 al 2009
Egregia utente.
Non posso, come medico, darle la certezza che la sterilità sia scongiurata, anche se non si tratta di sterilità in quanto è già rimasta gravida ( per definizione la sterilità è non essere mai rimaste gravide ) ma insisto sul fatto di non essere così ansiosa: è deleterio per una gravidanza. In sostanza però le vorrei far presente che l'aborto è un meccanismo fondamentale per "eliminare" i feti malati. Lo so che è una cosa forte da dire ma pensi se il bambino era malformato e se ne sarebbe accorta, che so, al 5° mese. Sarebbe stato un trauma molto ma molto più grande. Si chiama selezione naturale. Il problema è quando ci sono 2 o più aborti che si ripropongono. In questo caso il problema è materno ma assolutamente risolvibile: basta accorgersene con esami adeguati. In definitiva: stia tranquilla e vedrà che tutto si può risolvere.

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottore,
La ringrazio di cuore per le risposte incoraggianti e "concrete". Anche il mio medico, al tempo, mi disse che il solo fatto di essere rimasta incinta è un buon segno (erroneamente ho parlato di sterilità:probabilmente l'accezione corretta sarebbe stata infertile..)e anche lui rimandò alla "selezione naturale".
Al momento, quindi, mi sembra di capire che l'unica cosa da fare è tranquillizarsi e solo più in là, eventualmente, eseguire esami più invasivi.Giusto?
Un'ultima informazione e poi -spero-di non disturbarLa più:è possibile che i sintomi premestruali abbiano subito variazioni successivamente all'aborto?mi spiego meglio:prima avvertivo il seno gonfio nell'imminenza del ciclo; da qualche mese invece mi capita di vedere il seno più gonfio a conclusione dello stesso:squilibrio ormonale o ovulo tra il 5 e il 6 giorno post mestruo??!!per il resto non ravviso altri cambiamenti (a parte i dolori al basso ventre che presagiscono-immagino-l'ovulazione).
La ringrazio infinitamente
Distinti saluti

[#5]  
Attivo dal 2008 al 2009
Egregia Utente
E' verosimile che siano strascichi della pregressa gravidanza in quanto la stessa è come una tempesta ormonale che altera gli equilibri dell'apparato genitale. Credo pertanto che non sia da preoccuparsi.
Arrivederci e a presto con le Buone Notizie!

[#6] dopo  
Utente
Gentile dottore,
mi duole disturbarLa ma sono preoccupata per alcuni sintomi che avverto.Ho avuto l'ultimo ciclo il 2 gennaio e sono quindi,alla data odierna, al nono giorno.Ebbene,mi rendo conto che il seno è mediamente gonfio ma non dolorante..temo nella solita disfunzione..
per questo ho deciso di fissare un appuntamento col medico per febbraio ma nel frattempo volevo un Suo parere.
Come Le ho già scritto i miei cicli sono ritornati abbastanza regolari e rilevo la presenza del muco..e mi chiedo: il fatto stesso di "rilevarlo" non è indice di "regolarità" e di ovulazione?
La ringrazio per la cortese attenzione
Distinti saluti

[#7] dopo  
Utente
Gentilissima dottore,
nel ringraziarLa per i preziosissimi consigli e per il notevole supporto pratico e "psicologico" che mi fornisce, vorrei sottoporre alla Sua cortese attenzione una mia perplessità(una delle tante,oramai!!): ho letto su questo sito che la fase post ovulatoria (se non erro, credo si definisca fase luteica) varia dai 12 ai 14 giorni e,una volta individuata la propria,non varia. Se è corretto, vuol dire che questi tre tentativi post aborto non sono stati "mirati":se il mio ultimo ciclo è datato 2 gennaio e attendendo il prossimo ciclo orientativamente per il 1 febbraio, vuol dire che i miei giorni fertili sono tra il 18 e il 19 gennaio...sbaglio?! se così dovesse essere,vuol dire che anche i tre mesi precedenti non ho "centrato" i rapporti..
Attendo il Suo prezioso parere.
Distinti saluti

[#8]  
Attivo dal 2008 al 2009
In effetti sembrerebbe cosi. Il suo ciclo, da quello che posso intuire, dura circa un mese pertanto l'ovulazione dovrebbe avvenire tra il 13° e il 16° giorno del ciclo. Pertanto se dall'11° giorno del ciclo ha rapporti, anche a giorni alterni per 6-7 gg, dovrebbe centrare l'ovulazione. Non deve però mai e poi mai avere rapporti con il solo fine di precreare altrimenti resterà delusa. Il rapporto deve essere naturale e senza ansie....
Spero di esserLe stato utile. Arrivederci.

[#9] dopo  
Utente
Grazie dottore!
Non sa che sollievo il fatto di aver compreso di non aver avuto rapporti "mirati" rendendo impossibile pertanto il concepimento!!
Sì, i miei cicli durano all'incirca un mese, con uno scarto di qualche giorno da attribuire,soprattutto in questo periodo, al notevole stress cui sono sottoposta..
pertanto,il concepimento potrebbe risultare più probabile tra il 18,19 e 20 gennaio..
Grazie di cuore

[#10] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
La disturbo per avere chiarimenti in merito a delle perdite scure che ho rilevato sugli slip; invero si tratta di piccolissime macchie di colore giallo scuro, quasi marroni che -credo- debbano ricondursi allo spotting pre ciclo.
Ho avuto l'ultimo mestruo il 2 gennaio 2009 e ho notato la comparsa di tali macchie ieri,22 gennaio, e oggi, 23/01. ho avuto rapporti non protetti l'11,il 17,il 19 e il 21/01.
Preciso che non ho mai avuto tali perdite ma che ho notato la comparsa di quest'ultime a partire dal ciclo scorso (quella volta credetti,ingenuamente, che si trattava di perdite da impianto...).
Vorrei sapere il Suo parere in merito a tali perdite e se il fatto di averle esclude la possibilità che sia incinta.
Grazie per la cortese attenzione,
Distinti saluti

[#11]  
Attivo dal 2008 al 2009
Gentile utente.
Le perdite non escludono nulla possono essere dovute a mille cose diverse. E' chiaro che senza una visita non posso darle una risposta precisa. Possono essere anche solo una casualità. Veda come va il prossimo ciclo e se in ritardo esegua subito un test con le prime urine del mattino.
Arrivederci.

[#12] dopo  
Utente
Grazie mille per la Sua risposta e,in generale, per questo servizio utilissimo che fornite.
Un'ultima cosa: in base alle date che Le ho fornito sopra, quante possibilità ho di essere rimasta incinta?
Ho avuto l'ultimo ciclo il 2 gennaio e dovrebbe tornarmi il 1 febbraio; ho avuto rapporti non protetti l'11,il 17,il 19 e il 21/01.So bene che si tratta di supposizioni e che la certezza potrà arrivarmi solo attendendo un eventuale ritardo ma dopo l'aborto di agosto e i tre tentativi falliti sono un pò scoraggiata..(come ho già avuto-ahimè- modo di riferirLe..)
Grazie ancora di vero cuore
Distinti saluti

[#13]  
Attivo dal 2008 al 2009
Cara Utente
Non credo mi sia possibile fornirle delle percentuali e non capisco come possano giovare. Sappia che in una coppia normale (Cioè senza alcuna patologia ginecologica o andrologica) la possibilità e solo del 60%. Abbasserei nel suo caso un pò questo limite ma non posso quantificarlo.
Arrivederci.

[#14] dopo  
Utente
Gentile dottore,
nel ringraziarLa per la celerità,la professionalità e la cortesia con cui mi risponde,Le comunico che -ahimè- anche il quarto tentativo è fallito...
A onor del vero il ciclo dovrebbe arrivarmi il 1 febbraio ma avverto già i dolori tipici del mestruo e la sensazione di "perdite" (mi scusi se mi esprimo in questo modo poco "urbano") che precedono l'arrivo del ciclo...
Ho provato a non pensarci ma evidentemente c'è davvero qualcosa che non va..ho sentito parlare di "aderenze"..possibile che dalla prima eco,pap test e tampone vaginale post raschiamento non sia emerso??eppure ho svolto i suddetti esami dopo il primo ciclo post aborto...
Mi scusi ancora
Cordiali saluti

[#15]  
Attivo dal 2008 al 2009
Egregia utente
Lei forse si riferisce alla sindrome di Asherman che è caratterizzata dalla presenza di "aderenze" (mi scuseranno i colleghi per il termine non prorpio esatto) che ostacolano la cavità uterina. Questa sindrome però non può essere vista ecograficamente ma con isteroscopia che è un esame eseguito ambulatorialmente e che consiste nell'andare a vedere dentro la cavità uterina con una micro telecamera.
Spero di esserle stato utile.
Cordiali saluti.

[#16] dopo  
Utente
Gentile dottore
ma quali sono i sintomi della suddetta sindrome???
Preciso che il mio ciclo è pressochè regolare..
Grazie ancora

[#17]  
Attivo dal 2008 al 2009
A volte praticamente nessuno, a volte cicli dolorosi, perdite particolari ma nulla di eclatante.