Utente 494XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 24 anni nullipara, emicranica.
Ho provato diverse pillole per un periodo di circa 3 anni, fino a marzo 2017, interrompendo definitivamente (inizialmente assunta per regolarizzare cicli abbondanti dolorosi e molto irregolari 40-45 gg). Coagulazione regolare, lieve anemia ed emocromo a ribasso dei limiti.
Da luglio 2017 ho menometrorragie (4/5 giorni di emorragie ogni 7/10 gg) con dolori intensi (trattati in sede di PS ginecologico con Contramal).
Ad ECOTV viene notato un mioma intramurale - ovaie micro e policistiche.
Ad agosto vengo trattata con Tranex e Dufaston per 14 gg, senza alcun beneficio. Eseguita isteroscopia diagnostica (a termine Dufaston) e risulta un utero AVF setto - all'istologico presenti coaguli e lembi di endometrio di tipo mestruale.
Le menometrorragie continuano fino a novembre (con plurimi accessi al PS); inizio terapia con Cerazette, sospesa dopo un mese di assunzione per l'ennesimo attacco emorragico + algie pelviche.
La situazione è peggiorata: utero contratto irregolare di 69x28mm - endometrio max 3mm - ovaio sx con cisti sierosa di 39x20mm - ovaio dx di 54x23mm lievemente prolassato e policistico.
Arriviamo a marzo 2018, il problema continua, con diversi esami eseguiti (Pap test e tampone vaginale negativo - AST e ALT >80 /40 - FSH 17/ 10 - LH 64/ 12.50 - Omocisteina 15 /12 - Estradiolo 274 / 61 - CA125 nella norma). Nel frattempo assumo anche diversi integratori per aiutare la funzionalità ovarica (vitamina B, acido folico, magnesio, inositolo) senza cambiamenti.
All'ultimo esame ginecologico, aprile 2018, rilevano un peggioramento delle condizioni generali di utero (87x33mm contratto) e ovaie (sx di 33x17 microcistico e ovaio dx di 51x24 policistico) - area polipoide sulla parete anteriore della vagina - un altro mioma di circa 2cm.

La diagnosi non è molto chiara, se non di un quadro problematico con squilibri ormonali (apparentemente senza causa).
A breve mi sottoporrò a colposcopia per chiarire meglio l'entità dell'area polipoide.
Vorrei sentire altri pareri, in quanto preoccupata dalla situazione generale e non sapendo cosa aspettarmi in prospettiva dell'ennesimo esame (vaginoscopia).
Ringrazio in anticipo per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per prima cosa opterei a scopo terapeutico per l'inserimento di un sistema intrauterino (IUS) al levonorgestrel come il KYLEENA , con lo scopo di bloccare le meno-metrorragie.
Questo andrebbe bene per la sua emicrania e per la sua nulliparità.
va bene un esame colposcopico , anche se non mi è chiaro dove sai localizzata questa area polipoide che descrive (COLLO o PARETE VAGINALE ?) .
Inoltre valuterei anche i tempi di coagulazione (pT. pTT. fibrinogeno , AT 3^)
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 494XXX

Buongiorno Dottore, innanzitutto la ringrazio per la sua celere risposta.
Ho svolto la colposcopia ed è emerso che l'area polipoide vista all'eco tv era situata sul collo dell'utero (secondo la dottoressa che me l'ha effettuata potrebbero essersi formati in seguito alla piccola lacerazione post isteroscopia diagnostica a settembre, per il momento si lasciano lì e se ne controllerà l'andamento) , ha effettuato una biopsia lo stesso anche se sembrava tutto a posto, confermando esito pap test negativo di febbraio. Gli esami della coagulazione andavano tutti bene.

Nel frattempo, il mio ginecologo curante mi ha riferito che potremmo prendere in considerazione Jaydess (un dispositivo intrauterino simil spirale, credo di aver capito).
Questi dispositivi vengono inseriti tramite isteroscopia?
è doloroso l'inserimento?
funzionano anche come anticoncezionale?
si possono inserire nonostante i miei 2 miomi intramurali (2 cm l'uno circa)?
Grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Nella precedente risposta le ho parlato di uno IUS (sistema intrauterino a rilascio di levonorgestrel ) di nome Kyleena (durata 5 anni ) e invece Jaydess ha una durata di 3 anni.
Effetto contraccettivo pari a quello della pillola , è possibile introdurlo a nullipare (donne senza una gravidanza) e se i miomi sono localizzati fuori della cavità uterina , cioè sottosierosi e intramurali, non rappresentano una controindicazione
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 494XXX

Buonasera Dottore,
Alla fine mi è stato inserito proprio il Kyleena, come da lei consigliato, un paio di giorni fa, con un po' di fatica a causa dei miomi.
-è normale avere continuamente dei "crampi" piuttosto forti? (la sensazione è quella di avere un uncino che tira).
-c'è un metodo certo (a parte ecotv) per auto accertarsi che il dispositivo sia sempre nella posizione corretta?
-vi sono per caso interazioni con farmaci note? io utilizzo al bisogno Paracetamolo - Novalgina - Synflex, posso prenderli senza problemi o creano problemi col dispositivo? Eventuali interazioni con Antibiotici?
Durando 5 anni, meglio chiarire questi piccoli dubbi.

La ringrazio moltissimo per le sue gentili e professionali risposte.

[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Nessuna interferenza con farmaci, effetto locale, nessun passaggio nel circolo jsanguigno."

Deve fare valutazionie ecografiche per il posizionamento della kyleena
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente 494XXX

Buongiorno Dottore,
È ormai passato poco più di un mese dall'inserimento di Kyleena ed i benefici si sono subito visti. Il problema relativo alle menometrorragie ed emicranie è notevolmente migliorato, come del resto la qualità di vita.

Avrei solamente una domanda: è normale avere dei forti crampi uterini, simili a contrazioni?
Non capitano spesso, ma sono piuttosto intensi e sempre senza sanguinamento. Prendendo 1 o 2 Buscopan si risolve nel giro di qualche ora, pur restando un po' dolorante e con la pancia bassa "dura" e un po' gonfia. La spirale era collocata correttamente, controllata circa due settimane fa.
Dovrei essere in ovulazione/quasi mestruazioni, magari può incidere su questi dolori, ora che l'utero contiene la spirale?
La ringrazio moltissimo per la sua disponibilità.

[#7] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se lo IUS (kyleena ) è ben posizionato nessun problema , si potrebbe trattare di congestione peri-ovulatoria.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#8] dopo  
Utente 494XXX

Potrebbe gentilmente dirmi qualcosa di più su questa Congestione periovulatoria?
Sembrano contrazioni molto intense e dolorose, e sento beneficio anche applicando del ghiaccio.
Nel caso lo fosse, la terapia al bisogno con Buscopan è consigliabile?
La ringrazio ancora