Utente 468XXX
Gentili dottori, mi scuso se sarò prolissa ma vorrei dare tutte le informazioni utili.
A 11 settimane la mia gravidanza si è fermata e mi sono recata in ospedale per indurre l’espulsione. Essendo all’inizio mi è stato sconsigliato il raschiamento in favore del trattamento farmacologico e mi è stato somministrato il cytotec il 31 gennaio a seguito del quale ho avuto perdite molto importanti. L’11 febbraio sono tornata in ospedale per un controllo ma era ancora presente qualcosa e mi è stato prescritto il methergin per 5gg, 3 cp al giorno, controllo dopo una settimana il 18, non era cambiato niente e altra somministrazione di cytotec, ancora nessuna variazione. Prima di tornare in ospedale ho fatto una visita privata il 25 febbraio e da eco è risultata una lesione endometriale vascolarizzata ma nessun altro residuo (possibile che sia scomparso tutto da solo? O potrebbero aver scambiato la lesione per altro?), mi è stato consigliato di ripetere le beta (fatte il 26, valore risultato 4) e di fare un’isteroscopia. Fino ad allora dopo il 31 gennaio io non ho più avuto perdite. Il 28 febbraio torno ancora in ospedale e mi confermano che l’aborto è completo e che c’è questa lesione vascolarizzata di 1.8x2.5, non è chiaro se sia appena sopra l’endometrio o interna. Il giorno dopo ho avuto il ciclo, per una settimana, e poi due perdite improvvise e isolate molto importanti l’11 e poi il 16 marzo che non si sa se siano dovute a questa lesione. Vorrei capire come sia possibile che si sia verificata questa lesione non avendo fatto raschiamento e quanto dovrei preoccuparmi. Per l’isteroscopia mi è stato detto di aspettare il prossimo ciclo.
Specifico che la lesione non era presente da prima della gravidanza, sono in pma e faccio controllo continui da 2 anni.

Grazie

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non riesco a comprendere la presenza di una "LESIONE" senza nessun tipo di manipolazione chirurgica, forse la definizione più corretta è "presenza di formazione vascolarizzata" più che lesione .
Impossibile dare un corretto giudizio in assenza di elementi clinici e strumentali (ecografia e visita ) .
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 468XXX

Gentile Dottore, ho scritto lesione perché è quanto è stato riportato nel referto sia dalla ginecologa dell’ospedale sia da quella privata. Ed è esattamente il mio problema, come è possibile? E anche definendola formazione vascolarizzata, di cosa si tratterebbe e a cosa potrebbe essere dovuta?
Grazie mille

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mi creda ma non ho elementi per poter giudicare una ecografia che non visto.
Potrei pensare ad un coagulo (?) ad un residuo di materiale abortivo (?)
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI