Utente 530XXX
Salve, sono una ragazza di 18 anni e sono ancora vergine. Ho qualche curiosità da chiedere sulla masturbazione femminile e sul sesso. Io provo piacere in un modo atipico/raro di masturbazione: sdraiata di lato stringendo le gambe ritmicamente, di solito vestita (anzi solo vestita, devono esserci almeno le mutande: la presenza di un ostacolo in mezzo alle gambe mi eccita di più e il contatto diretto mi da fastidio), anche solo con l’immaginazione. Insomma un metodo che richiede poco e che sembrerebbe comodo. Il problema è che ci riesco solo così! Ho provato a toccarmi e usare le dita, ma oltre che essermi indifferente mi fa male e mi brucia. Massaggiando il clitoride mi fa male, solo se strofino molto molto leggermente con movimenti circolari provo qualche pulsione, ma niente di più. Mi sto ponendo questo problema perché non l’ho mai fatto né un ragazzo mi ha mai fatto preliminari e ho paura che quando verrà il momento mi farà male e non sarò in grado di provare piacere. (Se non ci riesco toccandomi da sola figuriamoci se toccata da un altro!) . Ho provato a fare ricerche per capire se sono io che ho qualcosa che non va o c’è qualcun’altra nella mia situazione, ma non ho trovato molto. Sono preoccupata perché ho paura che sia proprio questo a frenarmi nelle relazioni, la paura di arrivare a stringere quel contatto intimo.. . ma al tempo stesso mi sento indietro rispetto alle altre, direi che è arrivato il momento di fare esperienze!!

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le modalità di masturbazione non sono definite e non hanno delle regole ben definite.
Un consiglio utile potrebbe essere quello di sottoporsi ad un controllo ginecologico per escludere irritazioni vulvari ( VULVITE) o vulvovaginite,
Potrebbe essere questa una causa della alterata sensibilità. La visita servirebbe ad escludere varie patologie (se presenti)
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI