Utente
Buonasera, ho 45 anni e lunedì 7 ottobre ho subito un’isterectomia totale con conservazione delle ovaie (intervento in laparoscopia).
Nel complesso sto bene ma ho piccole perdite a volte di colore marrone a volte rosate e non continue (utilizzo il salvaslip).
È normale? Fino a quando persisteranno?
Grazie

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le perdite provengono dal "fondo vaginale " che si sta cicatrizzando e spesso dal fondo vaginale drenano le secrezioni che si raccolgono dopo l'intervento isterectomia per via laparoscopica.
Quindi normale , difficile prevedere per quanto tempo, anche perchè suppongo stia praticando terapia con eparina , a scopo profilattico del tromboembolismo post - operatorio.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la tempestiva risposta. Se ho ben capito almeno finché farò la terapia con eparina (che dovrò fare per 10 giorni) non posso aspettarmi che le perdite finiscano ...è corretto?

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Perfetto!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,
La disturbo ancora per un consiglio...le perdite (sempre rosate) durante il giorno sono diminuite ma aumentano all’atto della defecazione. L’ospedale che ho sentito mi ha prescritto negatol ov vaginali una scatola a sere alterne.
Cosa ne pensa?
Indicativamente quanto dovrà passare perché le perdite finiscano???? Ormai sono quasi passate 3 settimane dall’isterectomia e sono un po’ abbattuta.
Grazie per il tempo che vorrà dedicarmi.

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dipende dalla estensione del tessuto di granulazione presente sul fondo vaginale.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI