Utente
Buongiorno gentili Dottori,
Scrivo in merito a un dubbio che mi è sorto.

Io e la mia partner (40 anni) abbiamo spesso diversi rapporti non protetti ormai da più di un anno ma senza nessun tipo di coito interrotto, ovvero quando voglio raggiungere l’orgasmo uso metodi alternativi (sesso orale, masturbazione, sesso anale), quindi a rigor di logica non vi è rischio di perdite spermatiche all’interno della vagina, ma solo di liquido pre eiacultorio, che stando a quanto detto più volte su questo sito e oltre, può contenere tracce di sperma ma non in quantità fecondante.
A quanto ammonta il rischio di una gravidanza tenendo conto della procedura da noi utilizzata e tenendo conto anche dell’età della partner?

Altro quesito che vorrei porvi è il seguente: l’unico rapporto completo è avvenuto il giorno prima dell’arrivo dell’ultimo ciclo che si è presentato puntualmente e di durata regolare, è possibile che gli spermatozoi siano sopravvissuti fino all’ovulazione?
Da tener presente che il ciclo della mia partner è molto regolare (26 giorni).

Vi ringrazio in anticipo e porgo cordiali saluti

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Voglio rettificare qualcosa a proposito del COITO INTERROTTO , i fallimenti sono legati in gran parte all'errore tecnico (non si riesce a controllare il momento dell'eiaculazione ) e in parte al fatto che vi possono essere perdite pre-eiaculatorie di liquido seminale , contenenti spermatozoi vivi e normalmente mobili ( indipendentemente dal numero!!).
Altro tipo di previsione non è valida : in caso di ritardo con coito interrotto si deve sempre pensare ad una possibile gravidanza.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Ma per coito interrotto non si intende l’estrazione del pene poco prima dell’eiaculazione?
Quello che intendo io è un’altra cosa, ovvero a metà rapporto interrompere e continuare in altro modo.