Utente 142XXX
Salve,nel 2008 ho tolto il primo dente del giudizio a sinistra(mi era stato detto che era cariato ma poi non lo era veramente)e nel 2010 ho tolto il secondo a destra(perchè avevo tolto il primo).Avevo solo due denti del giudizio sopra e quelli sotto assenti(verificato anche con panoramica).Da quando ho tolto il secondo ho notato che la mascella a destra ha iniziato a "scrocchiare" ogni volta che apro e chiudo la bocca,cosa che mi causa dei fastidi anche nella masticazione.Non so se le cose sono correlate ma mi accorgo di masticare sempre sul lato destro.Facendo della fisioterapia(ho una compressione cervicale a dx con appoggio sul sacco durale)mi è stato detto che i muscoli della parte sinistra del viso sono meno sviluppati e spesso anche il braccio è più debole e meno reattivo del destro;questi disturbi vengono correlati ai problemi alla cervicale.Ieri però andando a fare la pulizia dei denti semestrale,il dentista mi ha fatto notare(cosa che avevo già individuato da sola)che gli ultimi denti in fondo si stanno consumando nella zona interna e ha ipotizzato che possa serrare la mascella durante la notte causando un attrito e una erosione del dente stesso.Mi ha consigliato un bite notturno.Ha anche detto però che il mio morso è perfetto,anzi ha detto anche troppo perfetto(?).A questo punto mi chiedo:i miei disturbi alla cervicale(dolori al trapezio sx,al collo,alla spalla sx,orecchio tappato sx,vertigini,mal di testa soprattutto a sx) possono aver causato il problema di contrattura della mandibola o è vero il contrario?Tendo a sottolineare che i problemi alla mandibola sono nati dopo rispetto a quelli al collo che mi porto avanti dal 2001 dopo un colpo di frusta e che sono peggiorati pian piano nel corso degli annni.Il bite potrebbe servire davvero?Come faccio ad essere sicura di serrare la mandibola la notte?


Grazie

[#1] dopo  
Dr. Marco Capozza

40% attività
12% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Potrebbe essere necessario un esame completo, posturale e dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM). A volte lo gnatologo può consigliare un colloquio preliminare con uno psicologo.
Il bite notturno può aiutare temporaneamente ma non è risolutivo.
I segni di usura che il suo dentista vede sui denti possono indicare la presenza almeno di un serramento notturno.
Per una diagnosi si potrebbe rivolgere ad un dentista ortodontista.
Cordiali saluti
Dott. Marco Capozza
http://www.dentista-lecce.com
mailto: dentista.salento@gmail.com

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Difficile dire cosa sia insorto prima, il disturbo dell'occlusione temporomandibolare potrebbe essere già stato presente anche se senza sintomi. Magari il disturbo mandibolare è venuto dopo. Le due cose sono correlate http://www.danieletonlorenzi.it/?p=169 come può leggere.
Vorrei aggiungere anche qualcosa sul bite http://www.danieletonlorenzi.it/?p=115
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum