Utente 227XXX
Salve, il mio problema è la mandibola che si blocca e scrocchia...
Faccio le opportune premesse: ho 33 anni e circa 3 anni fa ho portato l'apparecchio fisso ai denti, ho risolto non totalmente il mio problema ma a detta del dentista, vista la mia età, vista la situazione iniziale, ho raggiunto ottimi risultati. Diciamo che rimane il problema che l'arcata dx superiore, all'inizio era inversa e quindi nettamente interna all'arcata dx inferiore, ora è sovrapposta a quella inferiore anche se non perfettamente... non sono state raggiunte le corrette chiusure.... ho spiegato questo perché da quando ho portato l'apparecchio la situazione della mandibola e il suo "scrocchiare" e bloccare è molto peggiorato... ho anche il problema di digrignare i denti e per il quale, ho il bite... l'ho portato per un pò ma poi ho smesso perché ho notato che mi alzavo alla mattina e la mandibola era nettamente spostata e mi faceva male e se avessi aperto la bocca mi si bloccava irrimediabilmente. Ultima precisazione anche quando il dentista lavora su di me la mandibola si blocca e scrocchia per essere sboccarla...Sento come se scattasse fuori da una sede.... Arrivo alla domanda vera e propria: cosa si deve fare in questi casi? Forse devo insistere con il bite per sistemare il problema? Credo che in totale a fasi alterne l'ho portato per 1 mese..... o cosa mi suggerite?.. Preciso che soffro di cervicale.. e senza apparire drammatica, alcune mattine faccio veramente fatica a camminare, sembro disarticolata, ho dolori alla schiena, al ginocchio.... ho sempre saputo che tutto lo scheletro è collegato e che soprattutto i denti sono l'elemento principale per i problemi scheletrici... Spero di aver rappresentato chiaramente la mia situazione e ringrazio anticipatamente per il tempo prezioso dedicatomi.... Grazie

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
è necessario che lei rechi da un collega gnatologo che sappia valutare clinicalmente e strumentalmente con le metodiche che lui riterrà opportuno, la situazione articolare, muscolare ed occlusale per indicarle le terapie più opportune
di bite ve ne sono di diversi tipi in funzione delle necessità terapeutiche individuali e come tali vanno costruiti sulla patologia del paziente da trattare.Mi sembra di capire che quello che sta portando attualmente non le risolve il problema
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Dr. Filippo Martone

28% attività
0% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
MINERBIO (BO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Gentilissima, dalla sua descrizione appare un quadro che necessita di una gestione interdisciplinare. I denti NON sono l'elemento principale alla base dei problemi scheletrici, ma un problema di patologia cranio cervico mandibolare è senz'altro spesso parte di un quadro più generale. E' bene avere un parere condiviso di fisiatra e odontoiatra esperto di disordini cranio cervico mandibolari. Questo parere problabilmente richiederà esami strumentali, e la terapia potrebbe richiedere terapia fisica.
Il bite, che peraltro in un mese non risolverebbe comunque nulla, è solo uno strumento all'interno di un processo riabilitativo. Da solo (nel senso di confezionato e consegnato, senza ulteriori atti), a prescindere dal tipo, non appare utile (questo ci dice la letteratura acquisita).
In più non trascurerei di capire se i suoi dolori hanno origini diverse.
Meglio un team interdisciplinare per una diagnosi corretta. Da essa discenderà una buona terapia.

Cordialmente
Dr. Filippo Martone
Titolare
BONONIA GLOBAL FACE CENTER
Bologna - Minerbio

[#3] dopo  
Utente 227XXX

Ringrazio per i preziosi consulti. Provvederò a informarmi nella zona in cui vivo se è presente un bravo gnatologo e fisiatra. Grazie ancora e buon lavoro.

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Provi a leggere http://www.danieletonlorenzi.it/?p=79 vedrà che il click ed il blocco mandibolare sono caratterizzati dal fatto che il condilo mandibolare è così vicino alla fossa del temporale che il disco mandibolare non vi è compreso. Lo spazio tra mandibola (condilo) e osso temporale (fossa) è troppo piccolo per farci entrare il disco. Un bite alto "allontanerà" le due ossa ripristinando uno spazio all'interno del quale il disco ci sta https://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/news/821/Tanti-tipi-di-bite-ai-denti-come-sceglierlo.
Saluti.
Dopo aver ricostruito lo spazio per il disco, una buona terapia fisica può essere prescritta anche da uno gnatologo, attraverso l'uso di http://www.youtube.com/watch?v=4tnvg20GE5Q. Io non lo uso, ma mi sono costruito un dispositivo simile http://www.danieletonlorenzi.it/?p=554.
Riabilitata la bocca il compito per il fisiatra potrebbe essere più agevole.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#5] dopo  
Dr. Filippo Martone

28% attività
0% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
MINERBIO (BO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Ovviamente per team interdisciplinare intediamo un team di almeno 6 discipline affiancate, tra cui l'odontoiatria, la neurofisiologia, la fisiatria, l'ortopedia posturopodologica, la riabilitazione fisica. Nessuno di questi pareri andrebbe sottostimato, all'interno di un quadro complesso come il suo.
cordialmente.
Dr. Filippo Martone
Titolare
BONONIA GLOBAL FACE CENTER
Bologna - Minerbio

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Il Suo esordio è la mandibola che si blocca e scrocchia, dopo aver ricostruito lo spazio per il disco tra condilo mandibolare e fossa glenoidea (attraverso il bite) l'interdisciplinarietà è una ricchezza.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#7] dopo  
Dr. Filippo Martone

28% attività
0% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
MINERBIO (BO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
necessaria.
Dr. Filippo Martone
Titolare
BONONIA GLOBAL FACE CENTER
Bologna - Minerbio

[#8] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
[#9] dopo  
Utente 227XXX

Scusate il ritardo causa influenza. Quindi se non ho capito male, il dott. Tonlorenzi mi consiglia di partire con il bite piuttosto alto in modo tale da creare lo spazio necessario per far rientrare il disco e solo in un secondo momento procedere con il consulto del gnatologo.
Quindi è normale che dopo i primi tempi il bite sembra peggiorare la situazione? Il mio bite è di quelli rigidi non riesco a darle indicazione della sua altezza... diciamo che guardandomi allo specchio lo spazio occupato dal bite tra l'arcata superiore e inferiore è di 0,2 mm al max 0,5 mm. Grazie della risposta.

[#10] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Il bite lo fa comunque lo gnatologo che dopo averla visitata deciderà l'altezza.
Cosa vuol dire che peggiora il dolore?
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#11] dopo  
Utente 227XXX

Dopo un mesetto (discontinuo) di utilizzo del bite, alla mattina mi alzavo e sentivo la mandibola rigida e all'apertura veramente dolore, come se avessi dormito con un macino sulla mandibola tutta notte. Il bite non mi è stato consegnato dal gnatologo ma dal dentista il quale ha fatto le impronte e le ha mandate ad uno studio specializzato. Il bite è stato chiesto da me perché digrignavo i denti, non per la mandibola, il cui problema è recente qualche mese. Prima di mettere l'apparecchio non avevo così presente e quotidiano questo problema. Ricordo solo alcuni episodi da piccola di "scroccatura" Preciso che ultimamente sto facendo anche massaggi dal fisioterapista per contratture muscolari e per mal di schiena... possono essere sintomi tutti correlati? Insomma mi sembra di avere meno dolore e solo la scroccatura se non uso il bite di notte. Inoltre aggiungo che parlando normalmente non mi succede niente, se solo canto mi si "inceppa" la mandibola, inoltre ho notato anche che,giocando con il bambino di una mia amica, alzandolo con le braccia e portandolo sopra alla mia testa, la mandibola mi si inceppava.. So che posso sembrare ridicola ma veramente sono queste le situazioni in cui sento il tutto. Se mastico il cibo non sento niente, è come se la mandibola avesse un piccolo raggio di azione in cui non succede niente ma se appena lo supero si presenta il problema. Grazie

[#12] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006

Lei soffre di bruxismo http://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/699-bruxismo-riconoscerlo-affrontarlo.html

Non tutti quelli che lo presentano hanno anche dolore all'articolazione (click, scosci, ecc.), però hanno il rischio di soffrirne, come lei da "qualche mesetto".


Insomma mi sembra di avere meno dolore e solo la scroccatura se non uso il bite di notte.

Secondo me lei ha fatto da sola la diagnosi.
Il bite che Lei ha fatto fare dal dentista potrebbe non essere così adeguato (forse si può fare meglio) ed un controllo gnatologico (dentista specialista) io fossi in Lei lo farei.

http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#13] dopo  
Dr. Filippo Martone

28% attività
0% attualità
16% socialità
BOLOGNA (BO)
MINERBIO (BO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Concordo di massima con quel che Daniele le ha cortesemente consigliato. Le spiego meglio il fatto che gli Odontoiatri purtroppo non dispongono di una vera e propria qualifica di gnatologi. Questo appellativo si utilizza solitamente per quegli odontoiatri che si occupano in modo specifico di problemi come quello che potrebbe essere il suo.
In particolare il bite (il cui nome italiano è dima occlusale) non và solamente confezionato in modo corretto e con materiali corretti. Và in realtà seguito lungamente dal dentista che glielo ha consegnato, adattandolo di volta in volta alle necessità del caso, ed accoppiandolo ad una adeguata fisioterapia (in questo caso il riscontro di un fisiatra è utile).

Cordialmente
Dr. Filippo Martone
Titolare
BONONIA GLOBAL FACE CENTER
Bologna - Minerbio

[#14] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Il nome italiano lo trova nell'Enciclopedia Treccani http://www.treccani.it/vocabolario/bite/
ma forse il dott. Martone legge un'altra.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum