Utente 364XXX
Salve!
sono una donna di trentadue anni e da circa un anno e due mesi soffro di una serie di disturbi, i quali ho scoperto, dopo un lunghissimo giro presso vari specialisti, dipendere dal morso. Mi è stata diagnosticata una seconda classe facilmente risolvibile e in poco tempo. Per la maggior parte della mia vita non ho avuto particolari problemi di salute fino a un anno fa; improvvisamente sono comparsi vertigini, dolori al collo, alla testa, alla schiena e ai piedi e disturbi della vista. Da circa sei mesi mi è stato applicato un bite da portare solo di notte che ha alleviato effettivamente i miei fastidi ma non li ha eliminati. Il dentista che mi ha preso in cura vorrebbe applicarmi dopo il bite un presidio ortodontico fisso solo alla mandibola superiore poichè quella inferiore non presenta problemi. Mi chiedo se con quest'ultima soluzione posso risolvere davvero tutti i "guai" che ho come mi è stato promesso e se veramente possono bastare pochi mesi per spostare i miei denti.
Ringrazio per l'attenzione e resto in attesa di una risposta.

[#1] dopo  
Dr. Marco Capozza

40% attività
8% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
gentile Signora
per proporre una terapia ortodontica è necessario lo studio del caso con radiografie (OPT e Telecranio, foto e modelli in gesso delle arcate). La terapia di un adulto con seconda classe e morso profondo è generalmente abbastanza lunga (non bastano pochi mesi)e richiede il montaggio di apparecchiature fisse in entrambe le arcate (superiore ed inferiore), inoltre alla fine del trattamento è necessaria una "contenzione" per stabilizzare il risultato , con la collaborazione costante del paziente specie nel caso di contenzione mobile.
I disturbi come vertigini, dolori ala testa e collo etc. possono manifestarsi anche durante la terapia e possono essere "normali", cioè possono diminuire o scomparire quando l'occlusione sarà stabile ed ottimale. Non credo che sia corretto promettere una guarigione completa. Spesso è necessaria l'utilizzazione di un bite anche al termine della terapia ortodontica.
Per un corretto parere sul caso specifico è sempre necessaria una visita.
Cordiali saluti
Dott. Marco Capozza
http://www.dentista-lecce.com
mailto: dentista.salento@gmail.com

[#2] dopo  
Dr. Gianni Campobasso

16% attività
0% attualità
0% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 16
Iscritto dal 2006
Gentile signora il morso profondo oltre che con la terapia ortodontica fissa può essere trattato con ottimi risultati con apparecchiature funzionali tipo equiplan, apparecchiature di Planas etc etc (da valutare attraverso la visione di raiografe ed esame clinico). Le vertigini possono essere conseguenza dell'eventuale retrusione mandibolare legata al muro anteriore incisale (morso profondo). I tempi con questo tipo di apparecchiatura ortodontica non sono poi tanto lunghi......dipende poi da quanto tempo porta detta apparecchiatura.
Resto in attesa di sapere i referti degli esami strumentali e qualcosina di più dal punto di vista clinico.
Buona serata
Gianni Campobasso