Utente 330XXX
Salve gentili dottori vorrei chiedere una vostra opinione su un fattore che ormai sta rendendo la via vita molto difficile da portare avanti, parto dal principio di un incidente subito 5 anni fà, in ospedale mi hanno diagnosticato trapezio sinistro contratto con algia al collo, si chè mi hanno dato una terapia a base di muscolir e dicloreum, passati questi anni tra fisioterapia, massaggi, mi trovo in una situazione enigmatica, soffro di questi dolori al collo trapezi, sternocleomastoideo, massetere, temporale soltanto da una parte che si alterna, il dolore da rigidità muscolare sfocia a volte in emicrania muscolo tensiva che mi costringe all assunzione di fans, ho fatto rx della colonna cervicale in cui non risultava nulla, intracranica anche essa nulla di rilevante, un giorno ebbi un problema ad un molare che si è spaccato letteralmente da li una panoramica dentaria con visita odontoiatrica dove si è riscontrato che soffro di bruxismo ma in rilevanza di serramento con morso profondo,mi sono state prescritte le gocce di laroxyl come calmante per evitare l' emicrania, che in tutta verità mi aiutano, ma al risveglio il dolore alle gengive al collo, trapezio muscoli masticatori e temporali si fanno vivi a volte spariscono a volta tornano dandomi anche problemi alla vista (sono miope).
mi sono spinto esasperato da i medici che mi guardavano come fossi un alieno a fare una risonanza che riscontrò, una piccola ernia all’ altezza del collo con spondilosi, mi chiedo se è possibile che questi dolori siano dovuti al serramento notturno dei denti? ho sempre avuto problemi hai denti sin da piccolo ma questi dolori sono apparsi dopo l incidente è consecutivamente dallo spaccarsi del morale, che mi ha indirizzato al bruxismo ho fatto dei bite ma sicuramente sbagliati dai dentisti poiché inserendolo mi facevano molto male. Cosa potrei fare? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, una conseguenza poco considerata nei casi di incidenti é il fatto che, oltre alla colonna cervicale, anche la mandibola viene interessata dalle forti sollecitazioni . Queste, agendo su strutture di massa diversa, provocano dislocazioni anomale.
La mandibola articola con il cranio, a sua volta fortemente sollecitato, attraverso le Articolazioni Temporo Mandibolari, che possono subire forti distrazioni anche disomogenee fra loro.
Pertanto le consiglio pertanto di farsi visitare anche da un dentista - gnatologo esperto in problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare.
Le suggerirei di dare un'occhiata, in questo stesso sito, agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/934/La-cefalea-che-viene-dalla-bocca
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 330XXX

Ringrazio per la risposta esaudiente, il prima possibile mi sottoporrò a una visita da un gnatologo come da lei consigliato, in questi giorni da autodidatta mi sono informato su molti casi simili al mio e o notato che a parte i denti che sto curando pian piano che il mio problema sta nella chiusura delle bocca, mi spiego meglio se chiudo la bocca mi accorgo che la parte inferiore sale troppo su e questo mi provoca una sensazione come il dolore forte che mi viene di solito, allora ho provato a mettere un bite momentaneo che mi permette di chiudere la bocca prima e o notato che la stanchezza e dolore risultano molto minori, sarà una stupidata ma avro riscontro il prima possibile.

Di nuovo ringrazio gentilmente

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Non è una stupidata: se lo gnatologo ascolta le sensazioni del paziente è più facile che individui il percorso terapeutico vincente. Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com