Utente 753XXX
Gentilissimo Dottore ho 47 anni ,sino a novembre ho praticato attività sportiva molto intensamente: body building e acqua-gym,calcio e nuoto in gioventù.In seguito ad un incidente in palestra i primi di dicembre ho fatto una risonanza dove risulta che ho una protrusione discale posteriore mediana L5-S1,cisti periradicolare a livello del canale sacrale in corrispondenza di S1 maggior volume a sinistra.Globale protusione posteriore dell’anello fibroso discale con apposizioni osteofitosiche somatomarginali,fenomeni degenerativi discali con disidratazione e riduzione in altezza a livello C5-C6.Artropatia degenerativa all’acromion claveare tendinosi del sopraspinato.Neuropatia sensitiva arti inf. Neuropatia dolorosa arti sup..Ho fatto una visita col dentista posturale ho 6,5 kg in più sull’arto inf.sinistro.mi ha consigliato il bite.Nonostante abbia iniziato la cura con Nicetile Amedial Sirdalud ho sempre dolore anche se più lieve.Il tutto peggiora quando mi innervosisco o ci sono dispiaceri.La prego di darmi un consiglio ho anche il problema dell’epatite c e sono sieropositiva ma i valori sono ottimali.Fiduciosa in una vostra risposta,anticipatamente rngrazio
Antonella Esposito

[#1] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente, mi sembra che lei sia ben seguita.
Purtroppo l'evoluzione della patologia è lenta, come lenti i tempi di recupero, ammesso che siano possibili al 100%.

La sua situazione sierologica è ininfluente nel trattamento.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#2] dopo  
Dr. Dario Spinelli

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
BARI (BA)
SANTERAMO IN COLLE (BA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Data la situazione coinvolgente il rachide cervicale la sintomatologia potrebbe anche non trovare beneficio evidente con l'uso del bite. Anche il carico differente sui due arti può avere origine in diverse cause di squilibrio posturale.
Dato che la terapia farmacologica, che ha chiaramente degli effetti lenitivi, deve avere una durata limitata nel tempo, potrebbe essere opportuno procedere nello stesso tempo anche ad un consulto dal fisiatra.
Si tratta chiaramente solo di un suggerimento dato che non posso avere gli elementi di valutazione derivanti dalla visita.
Dr. Dario Spinelli
Odontoiatra Specialista in Ortodonzia e Gnatologia
www.ortodonzia.bari.it
www.ildentistaperibambini.it