Utente 420XXX
Buongiorno sono una donna di 39 anni ...soffro di bruxismo da quando sono ragazzina e da semore uso il byte...ultimamente sono molto stressata e ho sempre la sensazione di avere male alle orecchie e come se fossero anche tappate, ho sempre male ai muscoli della mandibola, fitte di dolore vicino alle tempie e a volte dolori ai denti.... insomma mille sintomi tutti nella testa e nel viso...tutto questo potrebbe essere la causa del bruxismo???? Grazie anticipatamente per chi mi potrebbe rispondere..saluti

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il Bruxismo è fenomeno multifattoriale e oggetto di discussione in sede scientifica: sulle sue cause la ricerca non ha ad oggi fatto adeguata chiarezza.
Nel suo racconto riferisce cefalea temporale e dolori alla muscolatura masticatoria, che potrebbero riportare ad una patogenesi occlusale del suo bruxismo.
Il ruolo dell’Occlusione nella patogenesi del Bruxismo in tempi recenti appare ridimensionato , mentre sono emersi ipotesi e componenti patogenetiche diverse, di prevalente derivazione centrale anziché periferica, che suscitano l’interesse dei ricercatori. E’ infatti emerso il ruolo dell’Apnea Ostruttiva nel Sonno (OSAS), di alcuni mediatori chimici, e si è indagato anche su alcuni fattori psicosociali. Fra le comorbilità rimane aperto sopratutto il collegamento con i disordini dell’ATM.
Analizzate singolarmente, però, tutte queste più recenti ipotesi patogenetiche mancano, al pari dell’Occlusione , di chiara conferma scientifica relativamente ad un nesso di causalità diretta e lineare. Il concetto di Malocclusione, che pure rientra nell’ambito dell’ Occlusione, può però fornire una diversa visione , e permette di prendere in ragionevole considerazione un ruolo causale indiretto dell’Occlusione nel Bruxismo, in quanto spesso responsabile o comunque coinvolta in tutti questi argomenti.
Nel suo caso, pertanto , indagherei sulla eventuale presenza di malocclusione dentaria, di un possibile coinvolgimento della Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), sulla presenza di problemi respiratori nel sonno (le risulta di russare?).
Per quel che riguarda il bite, bisognerebbe poterne vedere la conformazione e sapere gli obiettivi che si intendeva raggiungere con la sua prescrizione: quello di minima di non far abradere i denti non interviene nelle problematiche più ampie di cui sopra.
Per dirle di più bisognerebbe poter vedere il suo caso.
Le suggerirei di dare un''occhiata anche agli articoli qui sotto linkati.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-sonno-disfunzioni-cranio-mandibolo.html
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 420XXX

La ringrazio molto per la sua risposta esauriente ....... cordiali saluti grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
sul mio sito ho riassunto in alcuni articoli l'argomento bruxismo:
www.studioformentelli.it/pagine/articoli/bruxismo

Ogni discussione sull'argomento bruxismo deve necessariamente passare attraverso una oggettivazione del fenomeno: la sua MISURAZIONE.
Un dentista in fase di visita, o in fase di ascolto del suo racconto, può SOSPETTARLO, anche fortemente, ma non ACCERTARLO.

Oggi disponiamo di due formidabili strumenti di misura domiciliare notturna per poterlo accertare: il Bruxoff e il GrindCare.
Con l'uso di questi strumenti si può accertare se ci troviamo in presenza di un bruxismo propriamente detto ad origine del sistema nervoso centrale piuttosto che a dei movimenti disordinati per instabilità dell'occlusione (che NON SONO bruxismo).
Nel primo caso, ad esempio, modificando l'occlusione il bruxismo resta identico a prima; il bruxismo infatti NON DIPENDE IN ALCUN MODO DAI DENTI, che sono le vittime del problema e non la causa.
Nel secondo caso dando stabilità occlusale si risolvono i problemi perchè non si tratta di bruxismo.
Possiamo anche differenziare, con l'uso di questi strumenti, un profilo di contrazione da serramento da uno da digrignamento.
Il primo tende ad essere la manifestazione di fenomeni di ansia o stress, a volte di rabbia, mentre il digrignamento tende a manifestarsi nel bruxismo vero e proprio.

Va poi indagato il fenomeno del bruxismo della veglia, ceh è differente da quello del sonno, e la presenza di eventuale reflusso gastroesofageo.

Per ora stiamo parlando di un sospetto bruxismo: non tutte le contrazioni muscolari sono infatti bruxismo.

Ci possono essere altre componenti completamente slegate e indipendenti dal bruxismo che vanno a dare un sovraccarico dell'Articolazione Temporo-Mandibolare, e sono i disturbi di movimento della mandibola, comunemente chiamate con il brutto termine di malocclusioni.
Come giustamente dice il dr. Bernkopf, vanno indagate per capire quanta componente possono avere nella genesi del soraccarico articolare di cui lei soffre.

Ma, ci tengo a sottolinearlo, la ricerca ha appurato che il bruxismo non dipende dall'occlusione.

Le placche occlusali (bite) sono da riconsiderare, perchè dalla analisi della letteratura non emergono dati che dimostrino una diminuzione del bruxismo con il loro uso.
Però molte volte funzionano sui sintomi.
Posseggo delle registrazioni elettromiografiche notturne (sto conducendo degli studi sull'argomento) che dimostrano inequivocabilmente che alcune volte le placche fanno addirittura aumentare le contrazioni muscolari pur attrenuandone i sintomi, mentre altre volte con il bite verifico una nettissima diminuzione del bruxismo.
Tale fenomeno è stato verificato anche dal gruppo di studio sul bruxismo dell'Università di Torino in un recentissimo studio (ancora in corso) con l'uso di una particolare plaffa funzionale metallica.

Tanto c'è ancora da scrivere sull'argomento.

Per concludere, le suggerisco una visita presso uno gnatologo, scegliendolo fra quelli che studiano specificatamente l'argomento bruxismo e lo MISURINO, perchè le possibilità di contenimento del fenomeno sono molteplici, e non solamente legate al bite.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#4] dopo  
Utente 420XXX

La ringrazio molto per la chiarezza E la risposta chiarissima...cmq il mio problema dipende sicuramente anche molto dal fatto che sono molto ansiosa e stressata e ho anche il piercing sul labbro e questo mi ci fa giocare tutto il giorno nn stando quindi mai ferma con la bocca...ora cmq sto anche andando dall' otorino per capire come mai di questo fastidio continuo alle orecchie ...le farò sapere dell'esito...grazie ancora Buon week end

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
"Ma, ci tengo a sottolinearlo, la ricerca ha appurato che il bruxismo non dipende dall'occlusione"
Tengo a sottolineare che la ricerca ha da circa un secolo abbandonato il criterio di Causalità, caro a Galileo, quale sistema interpretativo del funzionamento dell'Universo, in tutte le sue componenti.
Alcune branche scientifiche sono però rimaste affezionate al criterio di causalità, e nel loro ambito mantengono l'interesse per la sua ricerca: la Medicina, che pure scienza esatta sa di non essere , è fra queste.
Voler trovare un nesso di causalità diretta fra Occlusione dentaria e Bruxismo è, a mio parere , improponibile concettualmente, e infatti la sua ricerca ha dato risultati negativi, come segnalato dal Dr. Formentelli.
A riprova di ciò va sottolineato che le altre possibili cause, sulle quali si è concentrata l'attenzione degli esperti, hanno anch'esse fatto riscontrare la mancanza di una causalità diretta, risultato altrettanto scontato.
Venendo al suo caso personale, lei, come qualunque caso clinico, non è un "bruxismo" ma un paziente che riferisce bruxismo e che riferisce anche " ho sempre la sensazione di avere male alle orecchie e come se fossero anche tappate, ho sempre male ai muscoli della mandibola, fitte di dolore vicino alle tempie e a volte dolori ai denti.... insomma mille sintomi tutti nella testa e nel viso."
Mille sintomi che possono anch'essi ricondurre anche ad un problema occlusale, che va quindi attentamente considerato, come le ho consigliato di fare nella mia precedente risposta, invitandola a leggere anche alcuni articoli che spero abbia letti.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/blog/medicina-generale/6540-illusione-scienza.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#6] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Quello che oggi sembra scontato a chi si occupa dell'argomento bruxismo, ovvero la mancanza correlazione fra occlusione e bruxismo, era ancora considerata relazione causale solo 10-15 anni fa, e lo è ancora presso la maggioranza dei dentisti e degli gnatologi che non si sono aggiornati.

La sua problematica non è probabilmente materia di otorino, ma di gnatologo.
Se l'otorino non individuerà una causa chiara e inequivocabile, cominci la ricerca di uno gnatologo che si occupi anche di bruxismo,
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#7] dopo  
Utente 420XXX

Si si ho letto tutto quello che mi ha mandato e come mi aveva già accennato lei l otorino mi ha detto che ho una disfunzione Temporo mandibolare e male occlusione specie a destra... Ora oltre a rifare il byte che avevo da bambina nn saprei che fare... Perché il mio. Dentista che è anche gnatologo mi ha mandato dall' osteopata il quale mi ha mandato dall' otorino.... Conviverò con questo fastidio perché nn penso di avere molte alternative..... Grazie come sempre

[#8] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Forse sarebbe il caso di chiedere un secondo parere ad altro gnatologo. Si sinceri che sia esperto nei rapporti fra ATM e orecchio.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#9] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
"Perché il mio. Dentista che è anche gnatologo mi ha mandato dall' osteopata"

Dubito che si occupi seriamente di gnatologia.
Lo gnatologo può eventualmente inviare dall'osteopata con un discorso più o meno del genere:
"aiutami MENTRE sto facendo la mia terapia",
mentre sembra che l'abbia mandata dall'osteopata perchè non sa che pesci prendere,.

Lei ha l'alternativa: sia il sottoscritto che il dr. Bernkopf l'abbiamo suggerita.
Ora sta a lei scegliere se rassegnarsi o guarire.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#10] dopo  
Utente 420XXX

Vi ringrazio tanto... Vi farò sapere... A presto!