Utente 335XXX
Buongiorno,
da una mese ho un forte dolore alla gola, solo a destra.
Il dolore ha iniziato a irradiarsi all'orecchio che ha iniziato a tapparsi continuamente.
Ora sento fastidi, prurito e a volte dolore (in particolare se apro molto la bocca).
La mandibola non è bloccata e mangiando i sintomi non mi sembra che peggiorino
A volte il dolore arriva anche allo zigomo.
Inoltre, sento tensione cervicale sempre e solo dallo stesso lato della testa.

Mi sono sottoposto a visita otorino dalla quale è emerso: ipertrofia tonsillare di II grado, tonsille cripriche, iperemia della tonsilla destra con presenta di materiale fibrinoso-purulento, si pratica tampone tonsillare
fibrolaringoscopia: rinofaringe libero, non ascesso retrotonsillare, ipofaringeo. otoscopia nei limiti.

Il tampone faringeo è risultato negativo e il mio medico curante mi ha fatto fare alcuni esami (ves, PCR, emocromo, glucosio, urea, ASO). Sono risultati oltre i limiti: granulociti netrofili 35,6% (norma 55-70%), Linfociti 54.1% (norma 25-48%). In valore assoluto i granulociti netrofili sono 2,94 (norma 1,8-7), linfociti 4,47 (norma 0.9-4.5). Inoltre il Titolo antisteptolisinico (ASO) di norma inferiore a 200 è a 270.

Il medico curante mi ha prescritto inoltre rmn collo con Mdc. Questo il referto:
Nei limiti per il segnale e spessore le pareti del rinofaringe.
Modico aumento di volume delle parti molli nelle logge tonsillari, simmetrico e in assenza di alterazioni focali o diffuse il segnale; conservato il segnale del tessuto adiposo parafaringeo. Non alterazioni focali del segnale al cavo orale.
Nei limiti le vallecule glosso epiglottiche, l'ipofaringe e laringe all'indagine RM.
Non alterazioni focali alle salivari maggiori o alla tiroide.
Nel collo linfonodi ovali dimensionalmente entro i limiti (asse breve massimo centimetrico nelle sedi sotto-mandibolari).
Minimi ispessimenti mucosi ai seni mascellari. Non alterazioni focali del segnale oto mastoideo, in particolare a destra.
Non alterazioni focali del segnale alle temporomandibolari.
Al limite del campo si studio sporadiche piccole iperintensità T2 nella sostanza bianca frontale bilateralmente, di aspetto gliotico.
In fase contrastografica non patologiche impregrazioni.

I medici continuano a chiedermi insistentemente se sono sicuro di non avere problemi ai denti.
Onestamente non ho nessun tipo di dolore ai denti.
L'unico problema è che il dente del giudizio superiore è sceso dopo anni che avevo tolto quello inferiore corrispondente.
A volte succede che muovendo la bocca il dente sceso e quello sotto battono insieme creando attrito.
Peraltro, da un pò di tempo i denti non battono più (come se il morso fosse cambiato).
Apparentementeil morso è diritto ma mi chiedevo se sia possibile che questa situazione abbia irritato l'atm.
Se si, secondo voi tutti questi fastidi possono essere riferiti all'ATM?
Vi ringrazio in anticipo.


Grazie mille per le risposte.

[#1] dopo  
Dr.ssa Giulia Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
SANDRIGO (VI)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2014
Buongiorno.
Si, è possibile che i suoi sintomi siano sostenuti dall'ATM, che può aver sofferto perchè " il dente sceso e quello sotto battono insieme creando attrito.... da un pò di tempo i denti non battono più (come se il morso fosse cambiato)".
L'interferenza occlusale può aver dislocato la mandibola con sofferenza dell'ATM
Sul coinvolgimento dell'orecchio , trova qualche utile argomento aprendo questo link:
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-denti.html

Le suggerisco di rivolgersi ad un dentista-gnatologo, che operi abitualmente nel campo delle disfunzioni dell'ATM.
Coerdiali saluti
Dr.ssa Giulia Bernkopf-Vicenza-Roma.
Odontoiatra, Specialista in Ortognatodonzia.Gnatologa
www.studiober.com
giuliabernkopf@bettega-bernkopf.it