Utente 464XXX

Salve,
volevo porre una domanda a voi specialisti.
Da circa 2 mesi ho un fastidio all'orecchio dx, orecchio del quale soffro di acufene da circa 7 anni.
Nel mese di Giugno/17 ho avuto un'infezione a causa del dente del giudizio, arcata inferiore, con infiammazione del trigemino, questa è stata curata con terapia antibiotica e successivamente ho proceduto con l'asportazione dello stesso, per evitare problemi futuri.
Adesso avverto una iper sensibilità ad alcuni rumori, tipo rumori mettalici, che è come se provocassero all'interno dell'orecchio, nel momento in cui li sento, lo spostamento di una membrana o qualcosa di simile.
Mi capita spesso, massaggiando l'orecchio dx, o facendo il movimento con le dita per stapparlo, di sentire una sorta di rumore all'interno...simile ad un crepitio, come se ci fosse qualcosa di incollato che man mano si stacca e questo capita anche facendo alcuni movimenti mandibolari, come ridere, oppure appena sveglio aprendo la bocca per sbadigliare.
Ho fatto due visite specialistiche, con prova audiometrica (responso udito perfetto), sonda nel naso con telecamera ed è tutto ok.
Mi è stata fatta un'altra prova, inserendo una sorta di sonda in un orecchio e una cuffia nell'altro per valutare che le cavità siano libere e anche questo ha dato esito negativo, tutto bene.
Entrambi gli otorini hanno detto che l'orecchio è perfetto, uno di essi ha detto che il colore del timpano non era proprio roseo.
In entrambe le visite mi è stato riscontrata la deviazione del setto nasale, parte dx, uguale all'orecchio in cui sento fastidio.
La mattina specialmente noto di avere dei muchi nella parte interna degli occhi, cosa che mi è stata riscontrata anche dal mio oculista.
Suppongo di avere una leggera sinusite, perché sento un po' di pressione e volte "dolore" sugli occhi e sul naso proprio al centro degli occhi. Avverto a volte come una sensazione di congestione nasale, ma soffiando il naso non espello nessun muco, se non la mattina e sono di colore bianco, normale.
Ho fatto per un piccolo periodo anche delle inalazioni di vapore, ma senza risultato.
Aggiungo che sono un fumatore, circa 10 sigarette al giorno, e diciamo che in quest'ultimo periodo sto attraversando una fase un po' stressante-ansiosa (specie per questo problemino) per via del cambio di nazione e sono in cerca di un nuovo lavoro.
Ho abitato negli ultimi due anni in una casa super umida, con molte comparse di muffa in diverse pareti.
Spero di essere stato chiaro e di ricevere una risposta da voi.

Saluti e buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente molti dolori o fastidi all'orecchio che non trovano spiegazione in campo otorinolaringoiatrico possono essere dovuti a disturbi dell'Articolazione Temporo Mandibolare.
Per vari motivi legati in particolare al tipo di occlusione/malocclusione che il paziente presenta, i condili mandibolari possono dislocarsi in una zona arretrata, entrando in rapporto con le superfici più distali delle cavità articolare che li ospita. Tali superfici sono in intimo rapporto con l'orecchio. In questo caso, assai comune, ogni qualvolta l'individuo deglutisce (e ciò avviene circa duemila volte al giorno a prescindere dalla volontà e dallo stato di sonno e veglia) i condili percuotono l'orecchio con più o meno violenza. Le malposizioni condilari possono interferire anche con il corretto funzionalmento della Tuba,(quel tubicino che mette in comunicazione l'orecchio medio con il retrobocca) : anche nel cattivo funzionamento della tuba c'é la chiave interpretativa di molti disturbi dell'orecchio.
Di certo nel suo caso l'ansia e lo stress possono giocare un ruolo importante. Consideri però che, quando sono presenti, trovano nella bocca un organo bersaglio particolarmente recettivo: nello stress si stringono le mascelle e si bruxa di più , per cui qualunque problema che può trovare nella bocca una sua causa, dallo stress viene enfatizzato. Inoltre il non trovare soluzione ad un problema fisico sintomatologicamente pesante può coinvolgere la psiche secondariamente.
Infine, la presenza di acufene potrebbe rientrare nel quadro complessivo.
Troverà qualche notizia in più aprendo i link qui sotto. Cordiali saluti ed auguri

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-denti.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-disfunzioni-articolazione-temporo-mandibolare-atm.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/983-problemi-naso-volte-causa-sta-bocca.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 464XXX

Gent.mo Dottore,
La ringrazio tanto per la risposta.
Come ha ben detto, sicuro gioca un ruolo chiave lo stress e l'ansia, che in questi casi, come ho potuto notare già in passato, aumentano l'acufene che ho all'orecchio dx...in taluni casi è come se alcuni suoni restassero in testa, es. quando sento le sirene o le campane di una chiesa, specie la sera faccio fatica ad addormentarmi e mi sveglio sovente!
Ho comunque ripreso l'attività fisica, che mi permette di svagarmi quel tantino e sto cercando di tenermi impegnato il più possibile...sono certo che anche questa passerà come tutte le altre.

Le auguro una splendida giornata e La ringrazio nuovamente.