Utente 501XXX
Salve buongiorno, sono un ragazzo di 23 anni che soffre di dolori a livello mandibolare annessi a disturbi posturali ( cervicale e schiena) .

Cerco di descrivere brevemente ed il più semplicemente possibile il mio caso.

Circa 3 anni fa ( all'età di 20 anni) ho cominciato ad accusare disturbi particolarmente significativi a livello cervicale e mandibolare accompagnato da click, con annessi dolori alla schiena. Dopo diversi consulti da vari specialisti, tra cui dentisti gnatologi osteopati ortopedici fisiatri e quant'altro, sono emersi dei dati
che portavano ad un problema derivante dalla bocca. Precisamente morso profondo annesso ad una laterodeviazione della mandibola verso sx con precontatto a dx. La quale molto probabilmente ha causato uno spostamento della mia spalla dx in avanti che andando in "protezione" è ruotata anch'essa.

Su richiesta ho effettuato una tac cone beam dei condili che non ha rivelato anomalie a livello osseo. "a bocca aperta regolare escursione in avanti del condilo mandibolare destro mentre il condilo controlaterale presenta un abnorme dinamismo con accentuazione dello scivolamento in avanti".

Ho portato due bite ( probabilmente fatti male ) per 8/10 mesi che non hanno avuto, però, l'effetto desiderato lasciandomi i dolori. Mi sono quindi imbattuto, casualmente, nell'attivatore plurifunzionale di Soulet-Besombes(APF). Nell'arco di una settimana i risultati già erano stupefacenti, i dolori si erano attenuati notevolmente e nel giro di 4/5 mesi il morso profondo è praticamente scomparso.

Il punto è questo, la laterodeviazione della mandibola è rimasta ( sono passati 8 mesi dall'inizio di questa terapia ) così come parte dei dolori ( attenuati sì ma non del tutto ). E' emerso che, molto probabilmente, questa sia stata causata dal precontatto di un canino ( parte in alto a dx ) andato in challange ( parole del dentista ). La mia domanda è..la terapia che sto seguendo ( che mi trova tutt'oggi molto scettico nonostante la bravura del dentista ) è la soluzione ideale per il mio caso ? o sarebbe meglio prendere in considerazione un bite di riposizionamento mandibolare o qualsiasi altro " strumento " che riporti la mandibola in una posizione centrale per poi proseguire con l'ortodonzia? il tutto per una miglioria dapprima a livello funzionale e poi a livello estetico.

Tengo a precisare che all'età, se non ricordo male, di 11/12 anni ho tolto un dente da latte cresciuto sopra al canino "incriminato" (parte in alto a dx)... potrebbe esser questo ad aver causato un'anomala formazione del dente finale(come se fosse stato guidato male) con successivo precontatto che ha portato a questa serie di disturbi?

Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Il suo è un caso complesso che non può essere valutato a distanza ma necessita di una visita Gnatologica accurata.Il problema della laterodeviazione va affrontato diversamente,a seconda se sia un problema funzionale(probabile)o strutturale.Oltre l'esame obiettivo personalmente in alcuni casi richiedo una CBCT massiccio facciale che è l'unico esame radiografico dirimente.
Le invio un link informativo,se ha domande chieda,ed anche un link sul TMD


https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/1010-asimmetria-mandibolare.html



https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-dolore-facciale.html


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 501XXX

Innanzitutto La ringrazio per la risposta.

Conoscevo già i due articoli del dottor Tonlorenzi, molto chiari. Quello che però non capisco è questo.. togliendo il precontatto ( con metodi che il dentista/gnatologo ritiene più opportuni ) l'arcata inferiore ricercherà un contatto differente ruotando " da sola " poichè non ritrova più il contatto precendente ?

So che è quasi impossibile dare una risposta a questa domanda specialmente a distanza ma non so se la strada che sto seguendo (terapia con APF) sia la più adatta al mio caso.. o se un bite ricentrerebbe il tutto .

Sono quasi certo che il mio caso rientri in un problema funzionale.

Grazie di nuovo.

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
".....togliendo il precontatto ( con metodi che il dentista/gnatologo ritiene più opportuni ) l'arcata inferiore ricercherà un contatto differente ruotando " da sola " poichè non ritrova più il contatto precendente ?...."

NO ,la mandibola deve essere riposizionata.

Il concetto è quello di ristabilire un corretto rapporto mandibolo-cranico ,che avviene riposizionando col bite la mandibola .Poi in assenza di sintomi, personalmente monto i modelli in articolatore e decido sul ritoccare o meno i precontatti (raro)e/o se finalizzare con intarsi,corone o ortodonzia(frequente).
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 501XXX

La ringrazio nuovamente.

Potrebbe consigliarmi un ottimo gnatologo a Roma?

Saluti

[#5] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Per correttezza non posso farle nomi.Eventualmente mi scriva in privato,oppure cerchi sul sito alla voce Gnatologi.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia