Utente 260XXX
Salve,
Sono una ragazza di 30 anni che ha problemi all’atm da quando h- memoria, lo scorso anno la mia disfunzione era arrivata ad un punto tale che mi si informicolava la faccia e avevo continui acufeni, vertigini soggettive,erano 5 anni che non portavo più il bite (avevo perso il precedente e non mi sono preoccupata di sostituirlo) sono andata dall’otorino che mi ha fatto le prove vestibolari e ha dedotto che il problema fosse la famosa disfunzione dell atm, vado da un ortopedico che mi fa eseguire la rmn del rachide cervicale dove vengono fuori 2 protusioni una sul versante iuxta foraminale una che preme sul sacchetto durale, vado dalla Gnatologa e mi fa mettere un ponte di svincolo, le informicolazioni passano, gli acufeni restano, iniziano delle fitte al volto al cranio e presso gli occhi, vado dall’oculista, e a parte il mio cheratocono bilaterale frusto che controllo al cento specialistico e alla miopia tutto bene, vado dal neurologo dice che i miei disturbi sono una concausa della cervicale e atm che mi danno una continua cefalea muscolo tensiva, digrigno i denti di notte tanto da aver lasciato solchi profondi sulla resina del bite ho spesso dolori all’apertura della bocca e a volte crampi atroci al collo se sbadiglio, mi è capitato un paio di volte di avere dei bruciori al centro del cranio in prossimità del cuoio capelluto che durano un minuto ma è come se qualcosa mi colasse al centro della testa, vado in panico 5 min poi tutto torna come il solito, faccio ginnastica posturale 2 volte a settimana e fisioterapia, vi scrivo per capire se questi bruciori, fitte ecc possano essere dovuti dalla sindrome atm avendo una malocclusione e disturbi cranio mandibolari, è possibile che i muscoli e i nervi del cranio e del cuoio capelluto sollecitatati male da questa mia disfunzione insieme alla cervicale mal messa mi diano questi sintomi?
Grazie e buon week end!

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Lei ha già in passato avuto le risposte che cercava sul suo problema dal sottoscritto e dal Collega Tonlorenzi .Le dissi anche di scrivermi in privato per poterla indirizzare.La sintomatologia è riferibile ad un disordine temporo-mandibolare,ma deve trovare un bravo Gnatologo,altrimenti non risolve.
Capisca che senza poterla visitare ed avere report clinici,le possiamo fornire solo informazioni in linea di massima,anche tramite gli articoli scientifici inviatili a suo tempo,ma é impossibile esserle maggiormente d'aiuto senza esame clinico.


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 260XXX

Mi diceste di fare un altro consulto, ne ho fatte altri 2 uno da uno specialista privato un altro al regina margherita, ospedale specialistico per disordini cranio mandibolari , sono stata visitata anche da un chirurgo maxillo facciale, il regina margherita mi ha dato da fare semplicemente degli esercizi per la postura mandibolare, lo specialista privato mi ha proposto di cambiare bite e di fare una terapia con il loro osteopata alla modica cifra di 2600 euro, peccato che quando gli abbia chiesto se avrei risolto mi ha detto che non mi assicurava nulla e che avrei dovuto fare una terapia per il dolore con 3 g di Tachipirina al giorno per 15 gg e che i bruciori e le fitte secondo lui non centrano nulla con l’atm ma che avrei dovuto prendere un ansiolitico!
Quindi capisce bene che io non posso spendere 3000 euro ogni volta e trovarmi sempre da capo a 12, gli articoli del vostro portale li ho letti dal primo all’ultimo, nessuno menziona bruciori cutanei a livello cranico, il punto è che nessuno sa dirmi nulla, vorrei solo sapere se i miei sintomi sono compatibili con atm o se devo fare qualcosa per controllare l’interno del cranio!

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Ipotizziamo che lei sia una che soffre anche di bruxismo diurno(serramento).
In tale situazione si ha una contrattura spastica di tutti i muscoli facciali,dei muscoli masticatori,in particolare i muscoli temporali ma spesso sono coinvolti altri distretti muscolari del capo e del collo che possono essere responsabili di tutto il corteo sintomatologico.La diagnosi è fondamentale,cosi' come la terapia è complessa,e richiede un approccio che va oltre il bite(con caratteristiche peculiari)e che comprende fisioterapia(strechting),
counseling,terapia comportamentale,
farmaci(ansiolitici,miorilassanti),
biofeedback.Lo specialista di riferimento è sempre lo Gnatologo che dà le giuste indicazioni,non il Maxillo che non ha competenze in materia.Deve solo trovare lo Gnatologo giusto.


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 260XXX

Soffro certamente di serramento, lo faccio involontariamente e cerco di correggerlo appena ne prendo atto, faccio fisioterapia da 10 mesi, posturale e faccio anche una posturale specifica per la bocca e la lingua, ho praticato la mindfulness e la terapia cognitiva comportamentale, sono andata per oltre un anno in analisi, l’unica cosa che non faccio e prendere ansiolitici (non li prendevo per curare gli attacchi di panico figurarsi per i denti) non soffro più di ansia e panico e ho preso miorilassanti per mesi, indubbiamente dovrò modificare il mio bite come già accennato dalla Gnatologa dopo un anno di terapia, lei ha perfettamente ragione devo trovare uno Gnatologo competente e soprattutto che creda perché così è nei disordini cervico cranio mandibolari, la mia attuale dottoressa dice sia fantascienza, ho appena letto che presso il gemelli di Roma hanno un reparto all’avanguardia per quanto riguarda l’atm, nel frattempo provvederò anche a cambiare i plantari che avrei dovuto cambiare già anni fa, non lo feci perché in gravidanza giustamente cambia l’asse corporeo e quindi non me li fecero, ho letto in un consulto su questo portale che anche tenere i bambini in braccio e condividerci il letto sia una pratica che mette sotto eccessivo sforzo la già precaria situazione di chi soffre della mia patologia!
La ringrazio sentitamente!