Utente 496XXX
Buongiorno, ho 39 anni. Circa sei anni fa durante una visita di routine dal dentista mi fu diagnosticata una iperacidosi gengivale dovuta alla esofagite da reflusso e all'ernia iatale di cui soffro da quando avevo 16 anni e che attualmente curo con 40 mg di Pantoprazolo al dí. Nel giro di 6 anni mi sono stati estratti 3 denti del giudizio e altri 2 denti, soprattutto però ho dovuto ricostruire quasi tutti i denti perché cariati dall'interno, inclusi i denti davanti, molti dei quali con i colletti bucati. Non posso strofinare lo spazzolino poiché sono diventati sottilissimi, privi di smalto. Circa un anno fa sono stato colto da una sorta di emicrania vascolare il cui dolore pulsante mi ha costretto a ricorrere al pronto soccorso. Dopo aver consultato il cardiologo, il neurologo, l'ortopedico e il neuroradiologo, dopo aver fatto ogni tipo di esame possibile, inclusi angio tac e angio risonanza dei vasi cranici, intracranici e del collo con mezzo di contrasto, non mi é stato tuttavia riscontrato nessun problema organico compatibile con questo tipo di mal di testa che é pulsante, alternato, e interessa la zona occipitale destra e produce nevralgia alla parte superiore della mandibola e agli occhi. Io soffro di bruxismo notturno. Ho anche messo il bite ma a tutt'oggi il problema è tutt'altro che risolto e puntualmente, nel fine settimana, si ripresenta in modo invalidante. Ho provato anche una terapia a base di farmaci decontratturanti ma non ha sortito alcun effetto. Il medico ha supposto il probabile spostamento del condilo con usura del cuscinetto che lo separa dall'osso mandibolare. Mentre scrivo il mal di testa da 1/2 episodi settimanali é diventato quotidiano e di conseguenza invalidante, soprattutto sul lavoro. Sarei grato a chiunque possa fornirmi un riscontro.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Veda se si riconosce nei sintomi dell'articolo


https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-e-dolore-facciale.html



Poi se ha domande chieda pure


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 496XXX

Gentile Dottore dei sintomi riferiti nel suo articolo non ho ravvisato nessuno di quelli tipici come ad es. ronzio, click, difficoltà di masticazione, problemi con l'apertura della bocca ecc. I miei sono Dolore tipo pulsante e stringente (come una morsa), in zona occipitale destra con riflessi nevralgici ai bulbi oculari e alla parte superiore della mandibola (zona condilo - cuscinetto).

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Esclusi problemi neurologici,nel bruxismo,soprattutto nel clenching(serramento)si ha contrattura spastica dei muscoli masticatori e dei muscoli facciali,ma anche del capo e del collo(cefalea tensiva).Il bite è utile,ma deve avere una altezza adeguata per consentire uno strechting passivo.Oltre al bite è importante eseguire counseling,terapia comportamentale,fisioterapia,uso di farmaci,biofeedback.La gestione di tutto deve essere coordinata da uno Gnatologo veramente esperto.
Inoltre nell' anamnesi risulta l'utilizzo di SSRI: ebbene tali farmaci aumentano le contrazioni muscolari spastiche e peggiorare il quadro sindromico.


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 496XXX

L'angio Tac e l'angio risonanza con MDC hanno escluso problemi neurologici. Nelle prossime settimane avrò una visita gnatologica ed effettueró Risonanza ATM con bocca chiusa e aperta. La mia reale preoccupazione è l'aumento di incidenza del problema che, come le dicevo, da episodico é diventato quotidiano. Mi crea problemi Seri sul lavoro.

[#5] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Personalmente lascerei la RNM in quanto la diagnosi gnatologica è essenzialmente clinica e l'esame radiologico non aggiunge niente di più a quello clinico.
Poi ognuno si regola come crede.


Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#6] dopo  
Utente 496XXX

Quindi senza risonanza della ATM il medico gnatologo povrebbe procedere solo a una visita generica? Magari con un rx mandibola e telecranio?

[#7] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Solo con una semplice visita un bravo Gnatologo acquisisce tutti gli elementi per una diagnosi.Personalmente solo in rarissimi casi ho richiesto una RNM.


Cordialmente
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia