Utente 334XXX
Chiedo un cortese agli esperti di gnatologia,odontoiatria e chirurghi maxillo presenti.
Da circa 2 anni soffro di un dolore all'arcata superiore dx, precisamente al 17°e 16°entranbi devitalizzati 2 volte da 2 diversi dentisti (tra l'altro sul 16° era presente un vecchio perno in acciaio inserito 30 anni fa e che si e' tolto con estrema facilita').
Entrambi i dentisti hanno pertanto escluso dolore di origine odontogena visto cle diverse OPT hanno escluso problemi di ascessi, granulomi ecc.ecc.
Vengo pertanto invitato a procedere con una RM dell'ATM che denota:
Condili mandibolari con discrete irregolarita' artrosiche.
Il disco a DX risulta parzialmente lussato anteriormente e medialmente mentre il SX e' lussato anteriormente e lateralmente in maniera marcata.
A bocca aprtte il condilo DX recupera il disco ma non supera l'eminenza mentre a SX il condilo impatta contro l'eminenza articolare dislocando anteriormente la struttura discale.
Nel pavimento del seno mascellare DX immagine ipointensa da riferire a cisti con contenuto denso.
Conclusioni:
Deformita' artrosiche dei condili mandibolari.
Lock articolare SX
Sublussazione discale DX
Piccola cisti nel seno mascellare S

Tutti i chirurghi maxillo escludono che il mio dolore ai molare di DX possa essere riferito a questa ciste.

Il mio dolore riguarda solo la parte DX , alla SX sto benissimo

Inizio pertanto un percorso di bite, terapia farmacologia (benzodiazepine + antidepressivi), fisioterapia mandibolare ecc ecc che a oggi non mi hanno portato alcun beneficio, anzi il dolore e' aumentato.

Ho effettuato alcune iniezioni di cortisone all'articolazione di dx senza risultati.

Chiedo se i dolori che riguardano i denti 17 e 16 dell'arcata dx possano essere dolori di riflesso o riferiti alla problematica che la RMN dinamica ha evidenziato, come qualche specialista ha rilevato

Ringrazio anticipamente per il cortese riscontro.

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gent Paziente
incomincerei ad avere dei dubbi che i dolori riferiti al 16 e 17 siano di origine ATM, in quanto mi sembra che per l'ATM sia adeguatamente seguito, senza alcun beneficio, per cui tornerei a concentrarmi sulla situazione dei 2 molari.
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Utente 334XXX

Gentile dott.Finotti,

La ringrazio per il cortese riscontro.
Allora sino ad oggi ho eseguito due dentalscan e numerose OPT ed endorali per trovare qualsiasi lesione o problema potesse dare riscontro ai dolori. E' da dire che entrambi i denti sono devitalizzati e non ho alcun dolore alla pressione.
Per questo motivo i vari medici che ho interpellato hanno posto la loro attenzione sulle mie problematiche dell'ATM e alla mia richiesta di estrarre i due molari la risposta e' sempre stata negativa. Ci sono altre tecniche diagnostiche che possano essere utili a ricercare eventuali problemi non rilevabili dalle normali OPT oppure endolari (tipo microfattura per esempio che mi risulta non sempre visibile alle OPT)???
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Concordo con i colleghi che non vogliono estrarre i denti. L'avere fatto un bite non esclude la causa temporo-mandibolare. In taluni casi (es. bruxismo) fare un bite adeguato può essere davvero difficile. Anche la presenza di algie facciali supporta questa mia idea (senza visita non può davvero trattarsi di altro).
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#4] dopo  
Utente 334XXX

Gentile Dott. Tonlorenzi,

La ringrazio per il cortese riscontro.

Ho sentito parlare anche di probabile nevralgia trigeminale nella versione atipica, anche se ho escluso conflitti neurovascolari dopo Angio risonanza.

Una forma atipica trigeminale puo' essere causata da un problema di disfunzione ATM, cosa che oggi e' l'unica cosa certa che i vari esami dimostrano?

Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
[#6] dopo  
Utente 334XXX

Egr.Dott.Tonlorenzi,

grazie per il Suo riscontro. Proprio oggi ho ritirato una TAC di controllo che riporto:

ANALISI ASSIALE
Rugorosita' a carico dei profili delle logge.
Assotigliate le teste condilari che risultano locate posteriormente.

ANALISI LATERALE
Fossette gleoidee poco profonde che presentano rugorosita' dei contorni.
Sensibilmente abrasi da processi degenerativi artrosici i condili che appaiono retroposti.

ANALISI FRONTALE
Confermate le alterazioni osteo-artrosiche delle limitanti delle fosse.
Sensibilmente compromessa la normale anatomia dei condili che evidenziano rimodellamenti morfo-strutturali.
Ridotto lo spazio articolare.
ANALISI A BOCCA APERTA (BITE MM.25)

Asimetricca la rototraslazione, simmetrica e ridotta l'escursione.

Tutte queste problematiche, possono confermare il dolore che ho all'arcata dx.
Grazie per l'attenzione.
Cordiali saluti

[#7] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
[#8] dopo  
Utente 334XXX

Egr.Dott.Tonlorenzi,

risposta MOLTO COINCISA ma sicura.Grazie!

Secondo Lei il tutto e' risolvibile con un bite? Da circa 6 mesi porto una placca di svincolo ma sinceramente la sintomatologia e' invariata.
Cordiali saluti

[#9] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Tante parole possono confondere, una è troppo chiara per dare adito a dubbi. Aver fatto una placca di svincolo (che è un bite) e non trovare giovamento, potrebbe voler dire che tale placca non è corretta. Alcuni esami strumentali (es. kinesiografia con elettromiografia, assiografia, sonografia, pedana baropodometrica, ecc) sono in grado di valutare con precisione la correttezza di tale terapia. Una specie di prova del nove come si fa con le moltiplicazioni e le divisioni. Quella sola ci può dire se il bite è costruito bene.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#10] dopo  
Utente 334XXX

Gentile Dott.Tonlorenzi,

grazie per il Suo riscontro. La mia osservazione al Suo cortese " SI" non era sicuramente ironica o retorica ma reale. Infatti nel mio "calvario" piu mi sono trovato di fronte a "potrebbe essere", "forse si puo' fare", "ma io farei" con la conclusione che a oggi continuo ad avere i miei dolori giornalieri.Ho gia' effettuatao una kinesiografia associata ad elettromiografia che riportava una mia occlusione indietro rispetto alla O.C.. Il fatto che i condili siano locati posteriormente dovrebbe confermare la mia occlusione patologica, quindi un bite dovrebbe cercare di portarmi i condili avanti, non crede?Leggo che Lei lavora a Pisa, nel suo reparto trattate questi problemi di difficile inquadratura?
Grazie e cordiali saluti.

[#11] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Nel Dipartimento si fa solo ricerca. Di fianco alle pedane ci sono i laboratori dove lavorano i dottorandi in neuroscienze. Allo stato attuale a Pisa si fanno solo valutazioni. Le terapie (per ora) le faccio solo nel mio studio privato.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum