Utente 132XXX
Gentile Dottore; questa mattina ho avuto un rapporto occasionale in un night; durante il rapporto mi sono accorto, cambiando posizione, che il preservativo si era sfilato; reinfilato, ho proseguito, ma si è sfilato nuovamente. Il rapporto è durato circa un quarto d' ora, non continuativo sessualmente parlando. Ora avverto una leggera irritazione al glande, sintomo comunque di uno sfregamento. Nel caso, come credo, si ritenga opportuno il test, vorrei sapere dove mi si consiglia di eseguirlo, essendo io residente a Parma. La prego di informarmi sui rischi effettivi di un contagio, non sapendo però se la partner sia positiva o meno.
Vive cordialità

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

è buona norma cambiare subito profilattico, nel caso che si sfili.
Per cautela, ma non per spaventarla, è bene considerare questo suo rapporto sessuale a rischio.

Il test HIV va fatto a 30-40 giorni dal rapporto a rischio e, se negativo, ripetuto a 90 giorni.

Sono molti i laboratori privati che effettuano il test, quelli pubblici (ospedalieri) tutti.
L'anonimato è garantito per legge.


Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 132XXX

Gentile Dottor Corcelli, La ringrazio per la premura. Mi sembra di recepire dalle Sue parole che comunque le probabilità, forse solo possibilità, siano comunque alquanto basse. Ecco, in questi giorni, esaminando il pene, ho notato un paio di piccoli punti lievemente escoriati, per cui a maggior ragione sono d'accordo con Lei per un test di cautela. Saprebbe delucidarmi meglio sull' entità delle probabilità di contrazione del virus?
Alla luce di questo mio commento, Lei ritiene opportuna una profilassi preventiva?
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
deve rivolgersi presso un centro ospedaliero di malattie infettive
è lì che viene valutata l'opportunità di una terapia profilattica, e se del caso, somministrata
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it