Utente 158XXX
Buon giorno, chiedo un consulto in merito alla situazione di mia moglie.Al 2° mese di gravidanza esegue i prescritti analisi del sangue, fra i quali anti epatite a-b-c.Tutti i valori sono risultati nella norma, comprese le transaminase ma l'anti hcv era positivo.Questi analisi venivano eseguiti in un laboratorio analisi privato.A fronte della positività all'anti hcv, riesegue gli analisi anticorporali in ospedale, con l'aggiunta dei markers qualitativo e quantitativo del virus.Tutti e 3 i tipi di analisi svolti in ospedale sono risultati negativi.Pertanto nessun pericolo di epatite.Al 7° mese di gravidanza riesegue gli analisi con l'anti hcv, in ospedale, e risultano tutti i valori nella norma e l'anti hcv negativo.Vorrei chiedere se sia possibile che sia stato compiuto un errore dal laboratorio di analisi privato e se possono esservi fattori tali da rendere l'anti hcv falso positivo.grazie

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
direi che la prima positività va considerata un errore marchiano. Il motivo per cui tali errori accadono può risiedere nella scarsa qualità delle apparecchiature usate o nei settaggi non effettuati o effettuati male. E' il motivo per cui consiuglio sempre ai miei pazienti solo i laboratori del pubblico.

Saluti

Mocci
Luigi Mocci MD