Utente 160XXX
Sono un maschio adulto. Circa 4 giorni fa ho iniziato ad accusare un leggero mal di gola con irritazione del cavo orale e leggero ingrossamento dei linfonodi del collo. Dopo due/tre giorni nei quali ho solo preso un colluttorio, il mal di gola e il leggero ingrossamento dei linfonodi del collo sono quasi totalmente scomparsi. Purtroppo però, mentre miglioravano gola/collo, ieri mi si sono gonfiati i linfonodi dell'inguine, a entrambi i lati. Il momento peggiore sembra essere stato ieri sera/notte, quando i linfonodi mi facevano parecchio male al tatto e davano fastidio anche a camminare. Inoltre aveva anche 4/5 linee di febbre e spossatezza. Oggi, a 24 ore dall'inizio del loro ingrossamento, i linfonodi dell'inguine sembrano già essere avviati a sgonfiarsi. Se premo mi fanno ancora male, ma da questo punto di vista la situazione sembra migliorare. La leggera febbre mi sembra forse ridursi ma ho ancora 1/2 linee (ma vedrò stasera, adesso sono le ore 15). Purtroppo, poche ore fa, ho notato un leggero gonfiore/indurimento/prurito della punta del glande. E' una cosa che quasi non si nota, ma c'è.

Non è la prima volta che mi capita. Mi è successo già due o tre volte negli ultimi 4/5 anni, con la stessa identica modalità e successione di sintomi, ma senza la leggera irritazione alla punta del glande (o almeno mi pare di non averla notata, ma potrei sbagliare). Forse negli episodi precedenti il problema ai linfonodi, soprattutto inguinali, è durato qualche giorno di più (ammesso che adesso sia già in via di miglioramento, come sembra per quel che riguarda i linfonodi).
Una decina di anni fa ho avuto la mononucleosi, e sia adesso che in passato ho attraversato periodi di stress. Però quella leggera irritazione del glande mi fa dubitare che la mononucleosi centri.
Per quanto riguarda possibilità più gravi (hiv), ho le gengive che a volte sanguinano leggermente (la tipica traccia di sangue quando si morde una mela) e ho avuto nel passato qualche rapporto orale (ma senza eiaculazione in bocca) e 8/9 anni fa un rapporto di penetrazione completa senza protezione (io attivo). Premesso che probabilmente è impossibile definire delle linee generali, ma in caso di hiv, quando c'è l'ingrossamento dei linfonodi, dura molto o può durare anche pochi giorni? E succede solo al momento del primo contatto con il virus o può capitare anche negli anni a seguire? Oppure comunque quella leggera irritazione del glande fa pensare ad altro? Stabilito che magari è meglio se nei prossimi gioeni vado in un centro MST a fare un test, attendo una vostra risposta. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Nel centro MST avrebbe bisogno di essere visto da un buon dermatologo che vagli anche la possibilità di un Herpes, per esempio, oltre che i prelievi anche per ep. B e C.

Saluti

Mocci
Luigi Mocci MD

[#2] dopo  
Utente 160XXX

Fatti esami epatite A, B, sifilide, HIV.
Tutti negativi.
Fatta anche visita dermatologica presso ambulatorio MTS. L'irritazione al glande è risultata essere di natura traumatica (balanite irritativa, ormai pregressa) ed è scomparsa nel giro di 3/4 giorni. Durante quei giorni di irritazione ho avuto anche un paio di giorni con un certo prurito, soprattutto nella zona della corona alla base del glande, dovuto secondo la dermatologa che mi ha visitato oggi (a una settimana dalla prima visita) a secchezza della pelle nella zona genitale.
Mi hi prescritto un unguento (Evita) da applicare in caso di bisogno.

Anche i linfonodi si sono sgonfiati subito, come avevo detto... Certo che la coincidenza tra irritazione del glande e gonfiore ai linfonodi inguinali mi aveva fatto temere qualcosa di peggio...mah.

Tra l'altro, come avevo scritto, non è la prima volta che in occasione del mal di gola mi si gonfiano un po' i linfonodi del collo e, successivamente, quelli inguinali, anche se quelle tre/quattro volte che mi è capitato in qualche anno, la cosa è rientrata nel giorno di pochi giorni. Fortunatamente adesso ho escluso le cause di cui sopra... potrebbe quindi succedere solo perchè i linfonodi dell'inguine sono particolarmente sensibili e reattivi? Il fatto di aver aver avuto alcuni anni fa la mononucleosi potrebbe aver fatto sì che i linfonodi siano più "sensibili" o non c'entra nulla?

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La visita venereoloica chiarirà ogni suo dubbio ed escluderà una balanopostite / balanite

dott Laino Roma
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it