Utente 385XXX
Buongiorno a tutti,
vorrei sottoporvi la mia questione. Circa 15gg fa ho avuto un rapporto orale attivo con un transessuale, coperto da preservativo.
Il trans mi aveva riferito di essere venuto da poco, non so quanto prima. Ora mi è venuta l'angoscia che mettendosi il preservativo questo sarebbe potuto entrare in contatto con dello sperma "residuo" dalla venuta precedente...
dite che è solo una mia paranoia o che ho rischiato qualcosa?
Inoltre ho cercato di interepellare successivametne questa persona riguardo al suo stato di salute e ha sempre evitato di rispondermi facendo indurre a pensare di un suo possibile stato di hiv+... datemi info per piacere...

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
il rischio da lei corso , da come racconta la dinamica di quello che le è successo, sembra minimo. Ora però lei sta chiaramente andando in paranoia e in questi casi è difficile tranquillizzare una persona soprattutto con questo strumento di comunicazione . Quello che le posso consigliare ,per il prossimo futuro, è di evitare simili situazioni non sicure non solo per l'HIV ma anche per tutte le altre patologie sessualmente trasmissibili. Comunque , senza inutili paure , consulti il suo medico di base ed eventualmente , anche su suo consiglio, tra 1,3 e 6 mesi faccia i test indicati.
un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto

28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
GIOIA DEL COLLE (BA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
daccordo
dr Giuseppe Benedetto
www.giuseppebenedetto.netfirms.com

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
il rischio da lei corso , da come racconta la dinamica di quello che le è successo, sembra minimo. Ora però lei sta chiaramente andando in paranoia e in questi casi è difficile tranquillizzare una persona soprattutto con questo strumento di comunicazione . Quello che le posso consigliare ,per il prossimo futuro, è di evitare simili situazioni non sicure non solo per l'HIV ma anche per tutte le altre patologie sessualmente trasmissibili. Comunque , senza inutili paure , consulti il suo medico di base ed eventualmente , anche su suo consiglio, tra 1,3 e 6 mesi faccia i test indicati.
un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com