Utente 647XXX
Buongiorno ,
sono una ragazza di 28 anni che ha avuto un rapporto a rischio .
Rottura di preservativo e tempo 10/20 secondi dalla rottura all'estrazione del pene .
Detto questo , il mio medico mi ha confermato per l'appunto che l'evento e da considerarsi a rischio
e di eseguire un test a 30 e 100 giorni .
Non sono riuscita a trattenermi ed ho eseguito un test a 10 giorni dall'episodio di IV generazione + AGP24
con esito negativo . Sapendo perfettamente che tale test e anni luce da essere definitivo , per me
sarebbe molto importante sapere in che percentuale attendibile : 0% / 10% / 30% ....
Vi prego ho bisogno di sapere se ha un minimo di attendibilita .... Grazie

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Un test a dieci giorni dal potenziale contatto a rischio ha scarsissima attendibilità, praticamente nulla.
Marcello Masala MD

[#2] dopo  
Utente 647XXX

Quando un test ha un minimo di validita anche nell'ordine del 30/40%
giusto per iniziare a darsi una piccola calmata ? Grazie .

[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Generalmente la sieroconversione avviene tra la quarta e l'ottava settimana. Dopo l'ottava settimana un test anticorpo Ag P24 ha un significato. IL SIGNIFICATO è COMUNQUE PARZIALE, NON DEFINITIVO.
Marcello Masala MD

[#4] dopo  
Utente 647XXX

Buongiorno Dott. ,
un altra volta non ho resistito ed ho eseguito il seguente esame a 30 giorni esatti dall' accaduto ... mi potrebbe dire se la bilancia incomincia un po a pendere dalla mia parte ? E' un buon test?

AB anti Hiv AG ricombinanti LUMINESCENZA(envelope HIV1,HIV2 e core HIV1) = NEGATIVO

ELFA AG RICOMBINANTE (proteina P24) e peptidi sintetici GP41/GP36) = NEGATIVO

[#5] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
A questa domanda ho già risposto.
Marcello Masala MD

[#6] dopo  
Utente 647XXX

Non aggiungo altro sua risposta di un mese fa

I test che le ho consigliato per l'epatite B sono quasi definitivi, poiche molto sensibili anche per il periodo finestra(da verificare comunque a sei mesi). Per l'HIV consideri definitivo il test a tre mesi. Il test anticorpo più Ag P24 ad un mese è buono come affidabilità, ma non è assolutamente definitivo. Consideri comunque che il contattto che mi ha descritto è a basso rischio.

Marcello Masala MD


scritto domenica 26 agosto 2007 - ore: 20.14.53



[#7] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Confermo che il combo test a 30 giorni ha significato, MA NON E' DEFINITIVO. IL RISULTATO DEFINITIVO SI HA A CENTO GIORNI.
Marcello Masala MD

[#8] dopo  
Utente 647XXX

Non mi interessa chi ha ragione ma siccome e un forum pubblico e giusto citare bene tutte le fonti :

I molti timori degli anni passati su infezioni "occulte" o sulla comparsa di positività a mesi di distanza non hanno trovato conferme nelle indagini scientifiche. Queste indagini hanno dimostrato che un test di Elisa a 4 settimane risulta essere ancora il metodo più efficace per stabilire se una persona ha contratto l'infezione.
Per scrupolo e per tenere conto anche di fattori assolutamente imponderabili, per chi ha un test negativo a 4 settimane le linee guida di molti paesi consigliano di effettuare il test anche a 3 mesi di distanza.
In Italia, forse per eccesso di scrupolo, viene ancora data l'indicazione di un ulteriore test a 6 mesi.

Lo staff di "Vivere al sole"

______________________________

- Periodo finestra: dopo l’avvenuta infezione da HIV, l’organismo impiega circa 10-14 giorni a formare gli anticorpi, identificati dal test ELISA. Alcune persone sieroconvertono solo dopo 3-4 settimane, ma virtualmente tutti i pazienti sieroconvertono dopo 3 mesi dall’infezione.

"HelpAids"

______________________________

il nostro centro consiglia di eseguire il test ad un mese e poi di ripeterlo a tre mesi.
Il test ad un mese è motivato dal fatto che un risultato negativo, considerando la buona attendibilità, da tranquillità mentre un risultato positivo permetta di agire tempestivamente.

Non consigiliamo di eseguire il test a due mesi poichè non aggiungerebbe molto al test ad un mese.

Dott. ManuelMonti (Anlaids)

______________________________

This time period is commonly referred to as the “window period.” Most people will develop detectable antibodies within 2 to 8 weeks (the average is 25 days). Even so, there is a chance that some individuals will take longer to develop detectable antibodies. Therefore, if the initial negative HIV test was conducted within the first 3 months after possible exposure, repeat testing should be considered >3 months after the exposure occurred to account for the possibility of a false-negative result. Ninety-seven percent of persons will develop antibodies in the first 3 months following the time of their infection. In very rare cases, it can take up to 6 months to develop antibodies to HIV.

CDC ATLANTA

______________________________

In Italia nei laboratori di analisi pubblici e negli ospedali sono generalmente in uso test ELISA di 3^ e 4^ generazione, molto avanzati che danno una certezza totale dell’esito già dopo 3 mesi dal comportamento a rischio.

"Lila"

______________________________
Ospedale S. Raffaele
15-30 giorni per una prima buona indicazione (basta telefonare)

[#9] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente mi creda anche a me non interessa avere ragione, nè tantomeno provocare ansie immotivate nei pazienti. Tutti i giorni vivo con i malati che curo, spero con loro e con loro vivo anche le sconfitte, che mi creda sono comuni. Quando si scrive in un ambulatorio virtuale come questo, è neccessario scrivere poche cose, che siano chiare ed inequivocabili. Tutto ciò viene fatto ai fini di non generare inutili illusioni o addirutura comportamenti inadeguati alle situazioni di rischio. Inoltre deve considerare che ciò che scriviamo su internet è eterno ed indelebile per questo a volte i consulti possono apparire un pò asettici. Ho avuto pazienti che hanno avuto sieroconversioni dopo trenta giorni, questo mi porta ad una naturale prudenza.
Marcello Masala MD

[#10] dopo  
Utente 647XXX

Ho letto la guida del CDC o meglio piu o meno e in particolare sul consuelling ho visto che tra i punti principali vi sono quelli di dare una sorta di ottimismo a chi ha gia effettuato un test all interno del periodo finestra . Ci sono rimasta male , sembrerebbe una sorta di incoraggiamento per fare un nuovo test e non una verita . Se uno fa un test a 1 mese o un mese e mezzo bisognerebbe dirli come stanno le cose .
Volevo chiederle nella sua esperienza clinica quando ha documentato sieroconversioni oltre a 1 mese , è successo con i test di nuova generazione (AG P24) ?

[#11] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Personalmente ho visto casi di sieroconversione oltre i trenta giorni dal rischio. Ora non ricordo se il test era un combo o meno.
Marcello Masala MD