Utente 709XXX
Salve,sono un ragazzo della provincia di ancona. Ho letto alcune delle sue risposte su un caso quasi analogo al mio.Ho avuto un rapporto anale con il mio ragazzo (naturalmente sano) e volevo chiederle se era necessario che io facessi il test dell'hiv.. so che, come ho letto dalle risposte, mi sn esposto a rischi come epatite,sifilide e così via...ma l'hiv è tra questi rischi se entrambi siamo sani? ed inoltre è vero che il test dopo circa 40-50 giorni puà dare una certa tranquillità al paziente (anche se la certezza si ha dopo 3 mesi o meglio 6)??? attendo una risposta urgente.

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente se il suo partner è certamente sieronegativo al di là di ogni dubbio è ovvio che lei non corre nessun rischio HIV. Per il test HIV consideri definitivo un periodo finestra di cento giorni.
Marcello Masala MD

[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

alla sua età dovrebbe iniziare a comprendere ciò che significa "sesso sicuro":

il paradosso che lei ha citato "se due pazienti sani fanno sesso non protetto, cosa possono trasmettersi ?"

la risposta è perentoria e alquanto scontata : nulla.

ammesso che si sia certi al 100% dello stato generale infettivo di entrambi.
se si ha lo 0,00000..1% di dubbio, il sesso DEVE essere PROTETTO.

quindi, mi scusi, ma il senso del suo scritto è a me non comprensibile in altro modo.

Ogni dubbio quindi potrà essere meglio chiarito in sede infettivologica o dal Venereologo, che è l'esperto di Malattie Sessualmente Trasmissibili.

cordialità.

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it