Utente 752XXX
Gentili Dottori,

da un mese e mezzo combatto un fastidioso mollusco contagioso (rispetto al quale il Dr. Laino mi ha già dato un utile parere). Avendo letto che questo tipo di disturbo può essere correlato al virus dell' hiv ho eseguito il test un mese fa.
Nel foglio che ho ritirato sotto la dicitura ESAME vedo scritto ac-anti-hiv (1+2) antigene p24. Met. chemiluminescenza. Il risultato è stato negativo. Il laboratorio di analisi mi ha spiegato che si tratta di un test combinato di ultima generazione basato sullo screening. Si tratta di un test efficace? Lo posso ritenere definitivo se eseguito a tre mesi dall'ultimo contatto a rischio?

Vi ringrazio anticipatamente della risposta.

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Se il test è stato eseguito a tre mesi dall'ultima esposizione a rischio può considerarlo definitivo.
Marcello Masala MD

[#2] dopo  
Utente 752XXX

Gentile Dr. Masala,

La ringrazio per la tempestiva e rassicurante risposta.
Le chiedo solo un ultimo chiarimento: il test combinato anticorpi e antigene p24 è da considerarsi valido sempre, vale a dire a tre, sei o più mesi dall'episodio a rischio o passati i tre mesi è meglio eseguire un test che ricerchi unicamente gli anticorpi?

La ringrazio del prezioso aiuto.

Cordiali saluti.

[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Il combo è un test affidabile quanto gli altri se non di più, il periodo finestra è sempre 100 giorni.
Marcello Masala MD