Utente 444XXX

Buongiorno,

due anni fa a febbraio ho incominciato (mai avuta prima) ad avere la candida (ho pensato autonomamente lo fosse), un paio di volte sino a maggio. Aggiungo che a febbraio mi sono fidanzata. Ho fatto esame urine, risultato: escherichia coli, quindi una settimana di antibiotico.

A giugno vado in vacanza, tre settimane, e l'ultima settimana mi viene il prurito che in un paio di giorni si trasforma in bruciore a far minzione e dopo un paio di giorni mi escono queste bolle, che, cercando su internet (essendo in vacanza non mi potevo recare dal medico) inizio a pensare sia herpes vaginale. L'ultimo giorno di vacanza mi viene male alla parte bassa sinistra del ventre e nel viaggio di ritorno mi sale la febbre a 40. Non appena tornata a casa mi reco da una ginecologa che "a vista" (quindi senza esami) mi conferma che si tratta di herpes vaginale. A questo punto le chiedo come mai la febbre a 40 e lei mi dice che probabilmente ho avuto un abbassamento delle difese immunitarie ma non si spiega la febbre. La notte stessa non scendendo la febbre mi reco al pronto soccorso dove mi ricoverano per una presunta pielonefrite (poi si rivelerà soltanto un'infezione renale). Al momento del ricovero ho spiegato tutto ai medici, anche del presunto herpes vaginale.
Dopo 5 giorni di ricovero mi dimettono ed il primario dice che probabilmente non si trattava di herpes vaginale in quanto pare abbiano fatto la ricerca degli anticorpi ed abbiano avuto esito negativo. Quindi secondo lui si è trattato di un altro tipo di virus (ce ne sono migliaia mi dice). Questa cosa mi ha tranquillizzato un pochino però io in mano non ho avuto nulla di scritto che attestasse quanto da lui affermato.

Così ho incominciato a preoccuparmi anche del fatto che magari il mio fidanzato mi avesse tradito e/o trasmesso qualcosa: è andato di sua iniziativa a fare tutti gli esami del caso relativi alle malattie veneree e nulla: è sano come un pesce. Ciò nonostante gli ho fatto assumere lo stesso antibiotico che hanno dato a me la settimana successiva e ancora oggi ho dubbi (purtroppo anche su di lui anche se non credo c'entri) e faccio fatica a capire se davvero non ho mai contratto l'herpes vaginale, se la candida vi era legata, se l'ha causata, come sia collegata l'infezione renale, se il tutto sia stato provocato dell'escherichia coli...
Aggiungo che dopo il ricovero, per circa un anno, una volta al mese, mi è venuta la candida. Ora, sono passati quasi due anni e ed è quasi un anno che non mi viene più (ho fatto cure quest'inverno con immunoflor)
Premetto che sono sempre stata sana come un pesce né sono mai stata ipocondriaca.
Potreste per cortesia chiarirmi le idee? ve ne prego infinitamente... vorrei diventare mamma, vorrei sapere se tutto questo può comportare un problema o degli esami da fare, e sapere anche se ho scelto la persona giusta con cui affrontare questo percorso.
Grazie infinite

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima, cominciamo col dire che anche se fosse un herpes genitale sicuramente questo potrebbe essere manifesto nel corso della vita a prescindere dei rapporti sessuali.

Accade ciò poiché il virus erpetico può entrare nel nostro organismo fin dalla fascia pediatrica e rimanere latente anche per molti anni oppure addirittura senza mai manifestarsi. La prima infezione virale da HSV dei genitali è sempre molto acuta: difatti possono essere presenti linfoadenomegalie anche dolenti, febbre, astenia e malessere generale.
Nel suo caso ovviamente non possiamo fare presunzioni diagnostiche, poiché la diagnosi è sempre esclusivamente clinica: a volte possono essere effettuati degli esami sierologici per la valutazione delle immunoglobuline specifiche di tipo M che codificano con un'infezione acuta e quindi confermano il dato clinico.
Pertanto le consiglio di scegliere il suo specialista dermatologo venereologo di fiducia, al fine di effettuare un check-up ed avere chiarezza sul suo stato clinico attuale e futuro. Per il resto raccomando serenità!

Carissimi saluti
Dott.Laino
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 444XXX

Gentilissimo Dottore, la ringrazio infinitamente per la risposta. In effetti da piccola feci la varicella e a seguito di quanto sopra descritto nell'arco dell'ultimo anno mi è venuta per due volte l'herpes sotto il naso...magari è collegato.
Ad ogni modo grazie davvero. La disturberei ancora per chiederle se per caso mi sa indicare un ottimo dermatologo veneorologo su Torino.

Grazie ancora,