Utente 430XXX
Buongiorno,
volevo chiedere un consulto riguardo le analisi sull'HIV che sto facendo ultimamente, le faccio per controllo perché sono gay e ho avuto rapporti occasionali:
Gli esami più recenti (03/05/17), risultato:
HIV 1-2 ANTICORPI: Risultato test di screening immunoenzimatico in chemiluminescenza: REATTIVO
Risultato test di screening immunoenzimatico in fluorescenza: NON REATTIVO
Sulla base della discordanza dei risultati dei test di screening si è proceduto alla determinazione di HIV 1-2 RIBA e HIV Antigene p24, secondo LG AMCLI (rev3, 2014).
La negatività degli accertamenti di approfondimento consente di definire NEGATIVA la sierodiagnosi per HIV 1-2 e di considerare aspecifica la reattività di uno dei dei test di screening.

Vorrei capire perché in chemiluminescenza risulta sempre reattivo (è successo in data: 18/10/2016 e al 14/09/2016 presso ambulatorio privato, con risultato "dubbio")
In questo periodo sono abbastanza stressato per la famiglia e il lavoro, il tono dell'umore non proprio felice, spesso stanco e sto perdendo peso da qualche mese, il mio medico di base da la colpa allo stress e al mio stato d'animo, infatti raramente riesco a fare abbuffate o mangiare sereno (soffrendo di emetofobia).
Alle volte soffro anche del così detto colon irritabile...
Gli esami più recenti, risultati negativi risalgono al 16/01/2015.
Tutti questi fattori possono influenzare test del genere?
Potrei avere delle malattie legate al sangue?
Ribadisco che ho rapporti sessuali con la stessa persona da diversi mesi (inverno 2016 sicuramente).

Vi ringrazio per le eventuali risposte.
Porgo cordiali saluti
Giovanni

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
la falsa positività del test in ECLIA potrebbe dipendere da qualche fattore che interferisce con il test e induce la falsa positività.
E' in questi casi pressochè impossibile trovare quale sia questo fattore e non ne vale neppure la pena dal momento che il suo test di conferma le ha garantito la negatività sierologica.
Sicuramente non si può dare la colpa allo stress.
Semmai lei è stressato perchè immagino che sia lei che il suo fidanzato abbiate passato dei momenti poco piacevoli.
Tuttavia se ormai siete una coppia fissa e CHIUSA e se anche il suo compagno di vita è HIV sieronegativo, vivetevi la vostra vita di coppia, compresa la sessualità, serenamente.
Episodi come quelli che sono successi a lei, caro Giovanni, gli infettivologi li vedono sovente e accertato che l'immunoblotting o RIBA test che dir si voglia è negativo, si chiude il caso.
Lei chiuda anche le sue scappatelle.
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.