Utente 450XXX
Salve, sono andato a donare la scorsa settimana e la sera stessa mi hanno chiamato dall’ospedale, mi sono precipitato lì e mi hanno detto che avevo le transaminasi G.P. a 390 e le transaminasi G.O. A 135, mentre tutti gli altri esami erano nella norma compreso l’emocromo. Al momento stesso mi hanno detto che può trattarsi di un eccesso di cibo o alcool date le festività natalizie.
Il mio medico curante mi sta facendo fare tutti gli accertamenti riguardanti il fegato ed epatiti. Sul referto dell’ospedale c'è scritto che il test dell’hiv Nat pcr Real time è non reattivo su tutte le voci. Visti i risultati delle transaminasi mi sono allarmato dato che 50 giorni prima del test ho avuto un rapporto con una ragazza con preservativo, ma il rapporto orale con seguente eiaculazione senza il preservativo. Ora la mia domanda è: l’esame delle transaminasi può centrare qualcosa con l’hiv? E il test fatto in ospedale lo posso ritenere valido dopo 50 giorni?
Grazie

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Utente,
si tranquillizzi.
Una NAT per tutte le voci ( che significa HAV - HBV - HCV - HIV) negativa dopo 50 gg dal rapporto a rischio esclude non solo una HIV sieropositività ma anche che lei possa avere una epatite virale di tipo cronico.
Faccia pure serenamente gli esami prescritti dal suo medico curante ma ho la certezza che risulteranno negativi.
Un innalzamento occasionale delle transaminasi si può avere per molti motivi, alimentari, voluttuari, farmacologici: l'importante è che il livello degli enzimi rientri nei valori normali.
Se vuole ricordi al suo medico che anche il Virus della Mononucleosi e il Citomegalovirus possono provocare un blando screzio epatico ed è pertanto utile e saggio escludere questa possibilità.
Mi faccia poi sapere se vorrà il seguito della sua storia.
Riceva cari saluti.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 450XXX

Salve dottore, dall’eco effettuata al fegato è risultato solo un piccolo angioma, il radiologo dice che non c’è un fegato ingrassato o sovraccaricato. Non saprei a sto punto da cosa possano dipendere le transaminasi alte. Sicuramente saranno da ripetere a breve seguendo una dieta. Mi sorge solo un dubbio sugli esami nat per Hiv effettuati in ospedale che erano pronti in mezza giornata, mentre un’altra volta che li ho fatti in laboratorio mi hanno dato l’esito dopo più di una settimana.
La ringrazio e distinti saluti

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
con i moderni strumenti in tecnica PCR Real Time occorrono non più di due o tre ore per ottenere il risultato.
Quindi non è desumibile l'attendibilità del risultato dal tempo di consegna.
Ripeta tra 15 gg tutti i parametri che indicano la "funzionalità epatica", transaminasi comprese, e se non dovessero essere rientrate se ne riparlerà.
Ovviamente stia lontano dall'alcol e da farmaci non indispensabili.
Saluti.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 450XXX

Salve dottore, la ringrazio per la risposta.
Mi scusi, ma al momento posso già escludere l’hiv o devo ugualmente ripeterlo con i prossimi esami?
Grazie

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
è ovvio che deve escludere di essere infetto da HIV.
Per me NON è necessario che lei ripeta alcun esame.
Cari saluti,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.