Utente 443XXX
Buonasera,
Oggi purtroppo mi sono punta con una siringa di clexane dopo aver fatto una puntura ad una signora hcv positiva. Avevo i guanti che ovviamente sono stati bucati. Quando ho tirato via l ago dall addome della signora non é uscito sangue ma ne é uscito dalla mia mano. La figlia mi ha fatto vedere le Analisi della madre di settembre 2018 che riportavano la dicitura hcv quantit/pcr 178 10^3 u.i./ml. Non so cosa significhi. Sono molto spaventata e il mio medico mi ha prescritto le analisi da fare domani tra 1 mese e tra 3 mesi. Su internet ho letto di un tipo di analisi che si può fare dopo 20 gg che dovrebbe dire se c è stato o meno il contagio ma la mia dott.ssa non me ne ha parlato. Non so cosa fare sono davvero spaventata. Immagino che per i prossimi mesi non potrò avere nessun rapporto con il mio fidanzato. Non voglio che si contagi per colpa mia. Ho letto che la trasmissione avviene solo con il sangue ma anche se ci baciamo se magari uno di noi due ha un taglio in bocca...Non vorrei mai contagiarlo. Mi potete spiegare se davvero esiste un'analisi che da un risultato certo dopo 20 gg o devo aspettare i 3 mesi?quante probabilità ho di essermi infettata? Grazie e scusate la lunghezza.

[#1] dopo  
Dr. Michele Piccolo

40% attività
12% attualità
16% socialità
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
gentile utente, non vedo quali esami le ha prescritto la collega (in quelli a 30 gg potrebbero essere contemplati anche l'HCV Ag o HCVRNA che sono i primi a positivizzarsi. Normalmente l'HCV ha un tempo di sieroconversione (risposta anticorpale specifica: HCVab) che è variabile dai 3 ai 6 mesi. gli esami molecolari (ricerca del genoma del virus) che accennavo prima sono i primi a potersi isolare nel sangue. In merito alle possibilità di contagio al partner la probabilità in fase d'incubazione dovrebbe essere bassa. Sperando di aver potuto dare un contributo per tranquillizzarla resto a sua disposizione per ulteriori delucidazioni, mi aggiorni pure, cordialità
Dr. Michele  Piccolo