Utente 137XXX
Buongiorno,
lavoro in una grande azienda da alcuni anni. All'interno della stessa ho svolto per 2 anni consecutivi l'attività di addetta al call center con utilizzo continuativo di cuffia.
Nel tempo mi sono accorta di avere una sensazione di ovattamento all'orecchio destro, nonchè un acufene persistente. In seguito a visita ORL e misurazione audiometrica, mi è stata diagnosticata una ipoacusia da trauma acustico, dovuta probabilmente al lavoro telefonico svolto. Mi è stato detto che la perdita dell'udito interessava le frequenze della voce e che si tratta di una patologia irreversibile.
Non mi sono più preoccupata della cosa per molto tempo, perchè poco dopo fui assegnata ad altre mansioni che non prevedevano l'utilizzo del telefono.
Adesso sono stata nuovamente assegnata ad una mansione di addetta al call center, pertanto sono preoccupata che tale patologia possa aggravarsi e coinvolgere anche l'orecchio sx. E' possibile che succeda?
Faccio presente che l'ambiente di lavoro è molto rumoroso e che spesso sono costretta ad alzare il volume del telefono per riuscire a sentire i clienti.
Posso richiedere lo spostamento ad altra attività documentando la patologia?
Devo richiedere la visita con il medico dell'azienda?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Dovrebbe essere visitata periodicamente dal medico competente inoltre dovrebbe effettuare anche l'audiometria, difficilmente potrà cambiare mansione, dovrebbe essere dimostrato un grave deficit uditivo.
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona