Utente 128XXX
Gentile Professore, sono una ragazza di 21 anni in buona salute ma che ha sempre dedicato veramente poco tempo allo sport.
ieri mi sono fatta convincere da un amico e sono andata a correre con lui al parco. Durante la corsa (che sarà durata circa una mezzora, senza pause ma andatura regolare)avvertivo affanno ma, non essendo eccessivo, non me ne sono curata più di tanto.
Al termine della corsa però avevo una forte tachicardia, testa pesante, senso di vertigine e peso a livello del torace che rendeva difficoltose le insipirazioni.
Il tutto, nella sua forma più acuta è durato all incirca due ore, la frequenza cardiaca è via via diminuita.
Ad oggi, trascorso ormai un giorno, ho ancora un certo senso di vertigine e di peso sia a livello toracico che epigastrico e la sensazione che i battiti cardiaci aumentino per piccoli sforzi.Mi chiedo se il permanere di questi sintomi anche il giorno seguente sia normale e se è il caso di fare qualche esame!(specifico comunque che circa un mese fa ho fatto una visica cardiologica da cui non è risultato nulla di patologico).
La ringrazio anticipatamente nell attesa di una sua risposta.
Cordiali Saluti

[#1]  
Dr. Giorgio Fusetti

24% attività
0% attualità
16% socialità
SAVONA (SV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
E' possibile che sia soltanto una scarsa adattabilità allo sforzo secondaria ad una mancanza di allenamento anche eventualmente legata al momento in cui lo sforzo si è verificato ovvero dopo mangiato e per quanto tempo e con che intensità. Occorre conoscere altri dati per poter esprimere una valutazione attendibile cominciando da stile di vita ovvero fumo, uso o abuso di caffè, tè, uso farmaci familiarità per patologie a rischio come diabete, patologie della tiroide, patologie respiratorie,anemia, extrasistolie ed altri dati strumentali radiografia del torace,test da sforzo, spirometria, ossimetria, esami ematochimici. In attesa ulteriori dati saluto cordialmente.