Utente 172XXX
Gent.mo Dottore
Sono un tennista agonista di 48 anni che da circa 6 mesi accusa dolore al gomito esterno dx sia dopo uno scambio intenso sia a casa se piego il braccio.Probabilmente la colpa è della racchetta che si sarà sfibrata o di un tipo di corde utilizzate.Durante questo periodo spesso ho interrotto l'attività e quando ho ripreso ho iniziato gradualmente indossando la gomitiera ma senza notare miglioramenti.Poichè non voglio appendere prematuramente la racchetta al chiodo,prima di cambiare racchetta e corde vorrei sapere quali esami devo eseguire per evidenziare la patologia a carico del gomito e se esistono soluzioni efficaci al mio problema?Nell'attesa quale terapia devo seguire? preciso che Il dolore compare durante l'esecuzione del rovescio e del servizio ma anche in momenti di pausa quando ruoto il braccio o lo piego in un'angolazione particolare.

[#1] dopo  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
MONTECATINI-TERME (PT)
FOLLONICA (GR)
PISTOIA (PT)
LUCCA (LU)
FAENZA (RA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gentile utente, probabilmente si tratta di epicondilite, l'infiammazione del punto del gomito in cui si inseriscono i tendini estensori che dalla mano passano attraverso l'avambraccio. Prima di effettuare qualsiasi esame si faccia vedere da un ortopedico, perché la diagnosi si fa spesso senza bisogno di altro. Per adesso eviti di giocare e applichi del ghiaccio locale. Se si tratta di epicondilite (chiamata anche "gomito del tennista!") va trattata il prima possibile per evitare che cronicizzi e diventi difficile da mandare via. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it