Utente 183XXX
Da circa 9 mesi ho un dolore localizzato sul glueto destro che mi impedisce di praticare i miei sport preferiti (Ciclismo e canottaggio) il dolore passa e si attenua se sospendo l'attività sportiva mentre si trasforma in contrattura se contino ad allenarmi.

Il dolore è presente anche a sinistra ma in maniera molto più lieve e tende a scomparire poco dopo che inizio ad allenarmi.

I problemi sono iniziati lo scorso inverno dopo una tendinite al ginocchio destro con conseguente perdita di tono del muscolare.

Dopo aver curato la tendinite con fisioterapia e riposo ho ripreso gli allenamenti ma sono iniziati i problemi al bacino e al gluteo destro; inizialmente mi si era infiammato anche il muscolo piriforme che è stato curato con tecar/laser e riposo.

La RM al bacino a messo in rilievo solo una piccola falda di fluido bilaterale con decorso lungo il muscolo otturatore con prevalenza a destra, che sembrerebbe compatibile con il punto dove sono localizzati i miei problemi.

Durante questi mesi ho fatto diverse analisi ( RMN, RX, Ecografie) al rachide lombrare, al bacino, agli arti inferiori e il medico sportivo che mi sta' seguendo inizialmente aveva pensato che i miei problemi fossero imputabili ad una protrusione riscontrata sulla RMN del rachide lombare; la diagnosi si è poi rilevata non essere corretta; infatti lo stesso medico mi ha chiesto di fare anche una RM al bacino, e adesso sono in attesa di farmi visitare nuovamente; nel frattempo gradirei avere un vostro parere?

Sulle tavole anatomiche ho visto che il muscolo otturatore si trova poco sotto il muscolo piriforme e si inserisce nella tuberosità ischiatica dell'osso dell'anca da una parte e nel grande troncatere del femore dell'altra, potrebbe essere un problema collegato ad un bacino ruotato?
Avendo i muscoli vasto laterale e vasto mediale destro assai più piccoli dei corrispettivi delle gamba sinistra potrebbe trattarsi un intrappolamento del nervo otturatore? In questo caso quale dovrebbe essere la terapia più opportuna tenendo conto del fatto che mi porto dietro questo problema da ormai diversi mesi?

Sò che è difficile fare una diagnosi a distanza ma mi piacerebbe avere ugualmente una vostro parere.

[#1] dopo  
Dr. Serafino Ciancio

24% attività
0% attualità
12% socialità
COPERTINO (LE)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Beato Lei che può servirsi del tecar/laser! Io ho dovuto curare mia moglie -ottenendo pieno successo- con infiltazione di triamcinolone e muscoril pertendo dall'inserzione del piriforme dul grande trocantere.
Quella che Lei lamenta è una saindrome conosciuta solo dal 7% di noi medici italiani ed è una pseudo-sciatica.
Sembra una sciatica ma il Lasegue Putti è negativo.
Se presenta falde liquide veda un po' se è un HLA B27 esposto alle entesiti o se in coincidenza di una banale influenza non ha sofferto di una miosite (CPK alto).
Se è un professionista è ben seguito.
Se è un dilettante può scegiere sport a misura del suo corpo.
Buon Natale, se è cristiano o "gioisca con noi" se è laico cinico od agnostico. Sia felice.
Dr. Serafino Ciancio

[#2] dopo  
Utente 183XXX

La ringrazio per la risposta "in clima natalizio"; veramente utile e competente.

A rettifica del mio intervento/domanda vorrei solo far notare; a completezza di informazione; che le terapie a base di tecar e laser le ho pagate in toto e le assicuro che non sono una persona benestante e per farle ho dovuto operare alcuni "tagli" abbastanza dolorosi al budget familiare.

Ho fatto anche alcuni esami del sangue ed hanno escluso patologie quali la miosite o la spondilite anchilosante.

Non sono un professionista quindi non sono ben seguito; le cure e i dottori me li sono dovuti cercare e pagare.

Fatte le dovute precisazioni, credo che alla fine mi converrà seguire il suo consiglio, (visti le spese sin qui sostenute), dedicandomi ad altri sport (stò valutando la pesca sportiva, la dama e gli scacchi).

Buon Natale e felice anno nuovo.