Utente 272XXX
Salve, premetto che sono un podista da circa 15 anni, e sono circa 6 mesi che mi duole il tendine di achille dx, il dolore mi è comparso subito dopo una gara ed è stato molto forte causandomi difficoltà di deambulazione per circa 10gg., non ho più corso per un mese e dopo che il dolore sembrava sparito ho fatto degli esercizi di flessione con la punta del piede su di uno scalino 2 volte al giorno e dopo una settimana ho ripreso a correre, però avvertivo sempre un fastidio che non mi rendeva libero di correre tranquillamente, ho corricchiato così per circa 3 mesi, poi a metà agosto ho deciso di fermarmi finche non risolvevo definitivamente la situazione, per comunciare ho fatto un'ecografia il 29/08 che quì riporto: L'esame ecografico comparativo del T. acchilleo di dx, evidenzia un ispessimento al 3 medio (9.6mm vs 6.3 mm) con area iperecogenea intra tendinea di 8-9 mm. Il quadro clinico-ecografico è compatibile con TENOSINOVITE. Dopodichè ho fatto presso un fisioterapista 5 sedute di Tecar alternate a 5 sedute di laser, il gonfiore e il dolore sono diminuiti ma dei giorni mi fà ancora male a camminare, ho provato anche degli impacchi di argilla verde ventilata, però il tutto non passa, ed alterno dei giorni in cui sembra che il tutto si risolva a dei giorni in cui mi torna male come all'inizio, per adesso faccio del nuoto e vado in bici, anche se mi sembra che la bici mi dia fastidio al tendine.
Chiedo, cosa poteri fare per guarire definitivamente? Serve un'intervento per la pulizia del tendine o con varie terapie (onde d'urto) posso risolvere il problema? Un grazie anticipato per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ricevendo risposte in questa area potrebbe riproporre la sua richiesta in area ORTOPEDIA
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com