Utente 463XXX
Salve a tutti,
sono uno ex giocatore dilettante di calcio. Ora ho 33 anni a peso 92Kg. Sono alto 1.80 m. Il mio peso forma e' sugli 80Kg.

Da qualche anno non pratico piu' attivita sportiva fatta eccezione di una partita settimanale di squash.

Durante una di queste partite, appoggiando il piede destro indietro per darmi la spinta in avanti (caricandoci tutto il peso), ho sentito un lieve dolore al tendine di Achille dx. La sensazione esatta era quella di una corda che si allunga. A pare questa sensazione ho continuato a giocare senza problemi. Questo evento accadde alcuni mesi fa'.

Ora non vorrei essere troppo ipocondriaco, ma e' possibile che quell'evento sia un precursore della rottura del tendine di Achille?

In tal caso e' possibile fare qualcosa per evitare una rottura inprovvisa del tendine stesso?

Grazie

Gianluca

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
La prima cosa che dovrebbe fare è ritornare al suo peso forma corretto: i tendini nella sua condizione vengono sovraccaricati e sono a rischio di danni degenerativi e quindi di lesione.
La seconda cosa è quella di allenarsi regolarmente, curando lo stretching, il tono della muscolatura ecc. e non praticare sport (tra l'altro impegnativi) solo saltuariamente.
Per gli accertamenti specifici, può effettuare una ecografia muscolo-tendinea ed una eventuale risonanza: tali esami dovrebbero però essere prescritti dallo specialista in medicina dello sport e/o traumatologia dello sport, o dallo specialista in ortopedia, dopo una visita clinica accurata.
Dottor Sergio Lupo
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2]  
Dr. Paolo Tessari

24% attività
4% attualità
8% socialità
VILLAFRANCA DI VERONA (VR)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
egregio utente,
potrebbe effettivamente aver lesionato il tendine d'achille in quell'evento traumatico di alcuni mesi fa.
Se la lesione fosse stata completa, si sarebbe accorto immediatamente dell'impossibilità di camminare normalmente per l'impossibilità di dorsiflettere il piede ed anche palpatoriamente avrebbe apprezzato un avvallamento sottocutaneo nel punto di rottura del tendine stesso.
Necessita di una valutazione ortopedica supportata da una ecografia o da una RMN del tendine d'Achille, per stabilire una corretta diagnosi ed un adeguato indirizzo terapeutico.
dr. Paolo Tessari
ortopedico in Verona
dr. Paolo Tessari
ortopedico, artroscopista, protesista
specialista in medicina dello sport
Verona