Utente 635XXX
Buongiorno a tutti i dottori che leggeranno questo quesito.
Premetto che io sono un ciclista abbastanza allenato e percorro circa 5/6000 Km all'anno +/-.
Recentemente (tre giorni fa) ho partecipato ad una gara ciclistica a livello amatoriale, ed ho percorso i 110 Km quasi sempre con il cardiofrequenzimetro a livelli esagerati.....praticamente riuscivo a recuperare solo in discesa dove i battiti cardiaci erano circa 150-155 mentre in pianura e salita i battiti erano circa da 166 a 176 con punte fino a 185.
A fine corsa i totali del cardiofrequenzimetro mi hanno segnato 3h35' di corsa con una media di battiti cardiaci a 160.
Ora la mia domanda è la seguente (premetto che difficilmente riuscirò a tenere una media così alta di battiti perchè alla fine ero veramente stremato):
-Una persona della mia età 36 anni che pesa intorno a 72 Kg (in diminuzione per via degli allenamenti) quanti battiti può avere al massimo come frequenza cardiaca?
-Quale è il range ottimale per aumentare la prestazione fisica? (non per diminuire il peso)
-E' ottimale "pedalare" con un range vicino alla soglia massima cioè intorno ai 170 battiti per poco oppure tanto tempo oppure al massimo del tempo che si riesce a resiste per poi recuperare ;
-oppure è meglio "pedalare" con un range intorno ai 150 battiti che per me equivale fare fatica ma mi permettere ti compiere distanze molto lunghe senza avere bisogno di avere dei momenti di recupero?
-oppure è meglio "pedalare" con un range ancora + basso?
Grazie
Saluto

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Le rispondo da cardiologo: tutto cio' che lei fa compiere al suo cuore e' pericoloso ed il fatto che lei descriva la difficolta' del suo cuore a ritornare a frequenze basali e' l'indice ovvio del rischio che lei corre ogni volta.
Una cosa e' l'attivita' fisica, che ovviamente si consiglia, una cosa e' raggiungere frequenze che lei descrive, che sono, e lo sottolineo, estremamente rischiose.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza