Utente 150XXX
Salve, sono un ragazzo di 25 anni. Faccio sport da quando avevo 8 anni. Dai 12 ai 17 anni ho praticato ciclismo a livello agonostico, la mia frequenza massima era di 185 pulsazioni, raramente sono arrivato sulle 190. Per alcuni problemi ho dovuto smettere l'attività per un po' di anni. dai 17 ai 25 anni ho svolto attività fisica per divertimento ma non in maniera molto costante. Da un mese a questa parte ho ricominciato a fare uscite in bicicletta per tre volte alla settimana e ho notato che la mia frequenza cardiaca al massimo sforzo non sale al di sopra dei 168-170 pulsazioni...Da cosa potrebbe derivare? Potrei raggiungere di nuovo le frequenze che avevo quando praticavo ciclismo a livello agonistico?
P.S.: in passato ho fatto due holter, la frequenza minima è risultata di 36 bpm al primo controllo e di 40 bpm al secondo...

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il fatto che la sua frequenza non salga più dei limiti (molto alti !!) che lei riferisce e' buon segno.
Tenga conto che portare un cuore frequenze di 185-190 bpm non giova ad alcun cuore, neppure al più' sano.
Ne tenga di conto
cordilmente
cecchini
www.cecchinicuore.org
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 150XXX

Ma una frequenza massima così "bassa" può precludere in qualche modo lamia prestazione sportiva? Ovvero, risulto essere svantaggiato rispetto ad un altro atleta che riesce a raggiungere frequenze cardiache più alte? Con un cuore come il mio posso essere portato per questo tipo di sport? Grazie mille in anticipo Dottore

[#3] dopo  
Utente 150XXX

Ah dimenticavo...è possibile che il mio cuore non riesca più a raggiungere quelle frequenze di una volta (185 bpm)? Perché io a 170 pulsazioni mi sento già al massimo delle mie possibilità.

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Evidentemente non mi sono spiegato. Il raggiungere alte frequenze cardiache, specie se in modo prolungato, le fa male.
Spero di aver chiarito il concetto.
Arrivederci
cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#5] dopo  
Utente 150XXX

Grazie mille ancora...ho afferrato il concetto