Utente 206XXX
Buonasera.
La temperatura ottimale per svolgere attività fisica è di 37° C, tant'è che il riscaldamento pre-allenamento è fondamentale per facilitare gli scambi gassosi e i processi biochimici, per aumentare l'irrorazione sanguigna, per diminuire la viscosità del sangue..
Ora, in una persona che di norma abbia una temperatura bassa (35° C) è necessario eseguire un riscaldamento maggiore di 10 minuti?
E per controllare l'avvenuto aumento di temperatura, come faccio? La misuro con un termometro comune?
Grazie, sono un'allieva fisioterapista e studiando Medicina dello Sport, mi è sorto qualche dubbio.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Lofrano

24% attività
0% attualità
16% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Salve,
sinceramente non capisco se si riferisca alla temperatura corporea(ascellare interna?) oppure alla temperatura ambientale. Spero alla prima sinceramente. Ad ogni modo il riscaldamento è un'attività fondamentale per tutti gli atleti, va modulato ovvero aumentato o limitato in funzione della temperatura ambientale.
Saluti
Dr. Francesco Lofrano

[#2] dopo  
Utente 206XXX

Grazie, sì intendevo la temperatura corporea ovviamente.