Utente 121XXX
Gentili Dottori,
ho 30 anni e circa dieci anni fa mi fu diagnosticata una pubalgia che riuscii a debellare dopo due anni di fastidi con cicli di laser, ultrasuoni,stretching e successivamente lunghe passeggiate come riabilitazione. Oggi, a distanza di quasi dieci anni circa, probabilmente a causa di una preparazione fisica per un concorso (potete rifarvi alla storia clinica 1000mt in 4 minuti), credo di aver avuto una riacutizzazione della suddetta patologia curata tempo fa. I sintomi sono gli stessi (solo zona inguinale sx), solamente più blandi.
Ero ad un buon punto per raggiungere il mio obiettivo, se mollo adesso posso dire addio al famigerato concorso.
Non so se stringere i denti e andare avanti rischiando il peggioramento o se rivolgermi ad un medico sportivo il quale sicuramente mi dirà di stoppare e mettermi a riposo. Ci sarebbero delle cure più veloci oggi visto che comunque sono passati dieci anni dall'esordio della patologia in questione?
Grazie mille.
Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Emanuele Caldarella

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PARMA (PR)
RHO (MI)
COMO (CO)
MARCALLO CON CASONE (MI)
MATERA (MT)
NOVARA (NO)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Caro utente,

una strada alternativa potrebbe essere quella di provare a rivolgersi ad un ortopedico.
La pubalgia è un'entità clinica molto nebulosa:

https://www.medicitalia.it/emanuele.caldarella/news/1600/Pubalgia-questa-sconosciuta-Diagnosi-o-mito

Oggigiorno però in campo ortopedico sono stati fatti molti passi avanti nello studio del conflitto femoro-acetabolare, che è una condizione che può essere responsabile di un gran numero di pubalgie, e pertanto sarebbe importante verificare che il Suo caso non ricada proprio in questa casistica.

https://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/622-conflitto-femoro-acetabolare-femuro-acetabular-impingement-fai.html

Mi tolga una curiosità: in questi 10 anni ha mai eseguito una RX del bacino con proiezioni assiali delle anche?

Distinti saluti
Dr. Emanuele Caldarella

Chirurgia dell'anca e del ginocchio
emanuele.caldarella@medicitalia.it

[#2] dopo  
Utente 121XXX

Si dottore. Quando dieci anni fa mi venne per la prima volta, tra i vari specialisti a cui mi rivolsi, un ortopedico mi fece eseguire dei rx del bacino per escludere qualcosa che adesso sinceramente non ricordo poichè sono passati appunto diversi anni. L'esito era del tutto negativo.
La pubalgia andò via molto lentamente, dopo due anni di fisioterapia e riposo. Era comunque molto forte, tanto che non riuscivo inizialmente nemmeno a stare in piedi.
Adesso mi è tornata ma per fortuna di intensità molto inferiore rispetto alla prima.
Grazie per la sua gentilezza e professionalità.
Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Emanuele Caldarella

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PARMA (PR)
RHO (MI)
COMO (CO)
MARCALLO CON CASONE (MI)
MATERA (MT)
NOVARA (NO)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Caro utente,

come avrà letto negli articoli che Le ho segnalato, non tutti sono in grado OGGI di vedere su di una RX bacino i segni di un conflitto femoro-acetabolare. Dieci anni fa, quasi nessuno (io ho imparato solo 4 anni fa, e da allora "mi si è aperto un mondo").
Dato che non ha esami recenti, il consiglio sarebbe di ripetere la RX del bacino con proiezioni assiali delle anche per valutare la situazione odierna.
Se riesce a recuperarla, prenda anche la lastra di dieci anni fa, e mi raccomando: mostri tutto ad un ortopedico che sia particolarmente dedicato alla chirurgia dell'anca.

Distinti saluti
Dr. Emanuele Caldarella

Chirurgia dell'anca e del ginocchio
emanuele.caldarella@medicitalia.it

[#4] dopo  
Utente 121XXX

La ringranzio per i preziosi consigli, è stato davvero gentile.
Saluti.