Utente 235XXX
Buongiorno,
ho 26 anni pratico calcio a livello agonistico da 15 anni, il 9 ottobre 2011 durante una partita in seguito ad un contrasto (primo infortunio della mia vita) ho subito la rottura parziale del crociato anteriore una lesione di 3° grado del legamento collaterale interno e la rottura del menisco. ho consultato il parere di 3 ortopedici alla fine ho deciso di operarmi. l'operazione è avvenuta il 5 novembre 2011, ritensionamento del crociato anteriore e pulizia del menisco. Premetto ho iniziato il 15 ottobre(quindi 20gg prima dell'intervento) a fare fisioterapia in uno studio privato 3 sedute a settimana, questo avrebbe dovuto aiutarmi per il post-operazione. il 14 novembre 9 (giorni dopo l'intervento ) ho riniziato a fare fisioterapia sempre in uno studio privato. Ad oggi sto facendo ancora fisioterapia (3 sedute a settimana-gli altri giorni cyclette a casa come da indictzione del fisioterapista ) in teoria da quello che mi è stato detto il 15/20 febbraio 2012 dovrei essere pronto per tornare ad allenarmi con la mia squadra! altra precisazioone ho avuto qualche problemino dopo l'operazione perchè si è formato un versamento sopra il ginocchio che l'ortopedico ha dovuto svuotarmi due volte(prima volta 80cc di sangue, seconda volta 60cc sangue misto liquido sinuviale), dopo i due "svuotini" si è riformato ma il dottore non ha piu' ritenuto opportuno svuotarlo perchè si sarebbe riformato. In 25 giorni si è riassorbito da solo. Ora a distanza di 3 mesi dall'infortunio presento ancora un fastidio(come un ago piantato nella pelle) al collaterale. il 23 dicembre ho fatto la visita di controllo dall'ortopedico che mi ha operato il quale ha detto che il cassetto è saldo e il collaterale interno a posto, il dolorino che sento è dovuto alla cicatrice interna del collaterale! ritiene che possa essere una diagnosi corretta? è possibile che sia la ciccatrice a farmi sentire questo male? posso lavorarci tranquillamente? Altro dato che può essere utile per rispondermi, raggiungo quasi totalmente l'estensione manca si e no un cm mentre per quanto riguarda la flessione non è completa se piego tutta la gamba non arrivo in fondo il fisioterapista sostiene che ci sia ancora qualche aderenza. cosa ne pensa di questo? spero di aver fornito tutti i dati possibili per avere un vostro parere, comunque sono a disposizione per dare altre informazioni se necessario.
GRAZIE MILLE
BUONLAVORO

[#1] dopo  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Una risposta ai suoi quesiti non può prescindere da un esame clinico e strumentale. Tra l'altro dubito che possa riprendere ad allenarsi dopo 4 mesi dall'intervento: chi recupera in tali tempi (e sono pochi atleti) fa fisioterapia per tutto il giorno e tutti i giorni e non ha avuto alcun problema postoperatorio.
Le consiglio quindi di seguire le indicazioni del suo ortopedico o, se non ha piena fiducia, di cambiarlo e seguire comunque le indicazioni che le verranno date.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2] dopo  
Utente 235XXX

Buongiorno Dottore,
la ringrazio per la celere risposta, volevo solo sottolineare che NON ho subito un intervento di RICOSTRUZIONE ma di RITENSIONAMENTO. Non mi hanno preso semitendisono o altro ma hanno ritensionato il mio legamento crociato. Mi è stata fatta questa operazione perchè il poco rimasto del mio legamento era ancora in tensione,quindi l'hanno scaldato allargato e ritensionato. Questa operazione mi avrebbe dovuto dimezzare i tempi di recupero. Non so ha dati a sufficienza per poter rispondere anche all'altra domanda posta...

"il 23 dicembre ho fatto la visita di controllo dall'ortopedico che mi ha operato il quale ha detto che il cassetto è saldo e il collaterale interno a posto, il dolorino che sento è dovuto alla cicatrice interna del collaterale! ritiene che possa essere una diagnosi corretta? è possibile che sia la ciccatrice a farmi sentire questo male? posso lavorarci tranquillamente? Altro dato che può essere utile per rispondermi, raggiungo quasi totalmente l'estensione manca si e no un cm mentre per quanto riguarda la flessione non è completa se piego tutta la gamba non arrivo in fondo il fisioterapista sostiene che ci sia ancora qualche aderenza. cosa ne pensa di questo? "

la ringrazio anticipatamente
Buon lavoro

p.s. questo portale è davvero utile e ben fatto e le vostre risposte sempre moolto professionali!!!!

[#3] dopo  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Le ripeto quanto detto: le complicanze post-intervento, la lesione del collaterale ecc. possono allungare i tempi di recupero ed in ogni caso la presenza di dolore, indicano la necessità di una riabilitazione adeguata e non ancora completa.
A mio parere, ad esempio, per prima cosa ripeterei un esame RM per un controllo della situazione anatomica. Farei poi della fisioterapia per il collaterale e continuerei la riabilitazione muscolare in funzione della presenza della sintomatologia dolorosa.
Se il ginocchio dopo 3 mesi non si flette completamente (e come dice lei non è stato ricostruito il legamento ...) mi chiedo quali possano essere le "aderenze" in gioco ... o forse la riabilitazione non è stata completamente ottimale?
Ovviamente quanto le dico è solo un parere a distanza e non suffragato da un esame clinico.
Le consiglio, come già detto, di chiedere chiarimenti precisi all'ortopedico e seguire poi le sue indicazioni oppure di cambiarlo ...
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#4] dopo  
Utente 235XXX

Ancora grazie
Buon lavoro