Utente 247XXX
Buongiorno,
sono un “ragazzo” di 33 anni, pratico tennis tutto l’anno con buona frequenza, 2-3 volte la settimana, ho un fisico molto magro, 65 kg x 1.75cm (ossa molto sottili).
Sabato scorto durante un’incontro, dopo un’ora di gioco colpendo una pallina ho sentito un forte dolore alla schiena, in zona lombare lato sinistro.
Essendo periodo Pasquale sono andato dal medico di base solo martedi. I 3 giorni precenti sono rimasto completamente inchiodato, impossibilitato a stare “eretto” (camminavo piegato in avanti) e il corpo pendeva a sinistra come se qualcosa mi tirasse.
Il medico di base mi ha dato un ciclo di punture di muscoril 2ml + orudis 2 ml + stop da ogni attività per 15 gg.
Sono riuscito ad avere una visita da un esperto fisiatra dopo 2 giorni, il quale, dopo visita manuale, ha stabilito una forte lombalgia (contrattura?) e mi ha cambiato cura, 3 punture di lixidol da 1 ml + 10 giorni di sirdalud compresse, una ogni sera + 7-10 gg di stop
Oggi, dopo 10 gg dall’infortunio sto decisamente meglio, ma alla sera ho la schiena stanchissima e dolorante e certi movimenti come ad esempio scendere a toccare le punte dei piedi mi sento ancora contratto e mi fa male.
Al tatto sento inoltre la parte lombare sinistra più grossa della dx, come se ci fosse una pallina.
Ho ancora 4 giorni di miorilassante e riposo poi da lunedi dovrei cominciare con corsetta leggerissima, ma ho paura di fare un danno, vorrei riprendere l’attività tennistica fra 20-21 giorni, cosa mi consigliate?
E’ normale essere ancora contratto, è giusta la diagnosi o mi consigliate una ulteriore visita, eco, terapie…. ?
Grazie mille, scusate se mi sono dilungato.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ricevendo risposte in questa area provi a ripostare ANCHE in ORTOPEDIA
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com